Varese, ragazzi occupano abusivamente casolare nei pressi del cimitero monumentale

Varese, Nella mattinata di ieri 19 luglio 2020, alle ore 09.30 circa, un equipaggio della Squadra Volante del Commissariato di Via Ragazzi del ’99, si è portato in Viale Milano n.29, presso il cimitero Monumentale, in quanto erano pervenute alcune segnalazioni in merito ad una lite in atto tra diverse persone.

Sul posto gli Agenti hanno appurato che la lite era scaturita tra il custode del cimitero e due giovani, un ragazzo ed una ragazza, accusati dal primo di aver occupato indebitamente un casolare posto all’angolo del cimitero di proprietà comunale, che lui ha il compito di monitorare.
Il custode ha riferito agli operanti che già nel pomeriggio di sabato si era accorto che l’edificio in parola presentava la porta d’ingresso forzata, ed ha quindi deciso di procedere ad un’ispezione interna, che ha permesso di scoprire alcuni improvvisati giacigli, contornati da diverse lattine e bottiglie di alcolici sparse ovunque, accendini, vestiti ed altri effetti personali.

Con l’aiuto di un operaio del Comune il custode ha riparato gli ingressi dello stabile, ma nella mattinata odierna ha notato che stavolta erano le finestre ad essere aperte, e per tale motivo ha deciso di procedere nuovamente ad un controllo. All’atto di entrare nell’edificio un gruppo di n.6 giovani (una ragazza e cinque ragazzi) è uscito precipitosamente, per darsi alla fuga in direzione del parco pubblico sito di Viale Milano, angolo Via Torino. Successivamente due di questi fuggitivi, tra cui la ragazza, sono tornati sul posto, ove gli Agenti li hanno rintracciati intenti a discutere animatamente col custode.


Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Gli operanti hanno accertato che effettivamente l’edificio era stato utilizzato come bivacco da svariate persone. I due giovani sul posto hanno ammesso di aver occupato abusivamente l’edificio in questione unitamente ad altre persone, al momento in corso di identificazione, ed hanno rivendicato la proprietà degli oggetti rinvenuti. Per questi motivi sono stati accompagnati presso il Commissariato per la loro completa identificazione e sono stati indagati a piede libero per il reato di cui all’ art.633 del codice penale, ovvero invasione di terreni o edifici, ma sono in corso accertamenti per appurare se nel corso dell’occupazione siano stati perpetrati altri reati.

Al termine degli atti di rito ai giovani sono stati restituiti i loro effetti personali ritrovati all’interno dello stabile, che è stato debitamente messo in sicurezza al fine di scongiurare ulteriori episodi del genere. Alle successive ore 20.55 invece, l’intervento di un altro equipaggio della Squadra Volante è stato richiesto da un residente in questo vicolo dei Milani, in quanto al termine di una discussione scaturita per motivi condominiali, era stato aggredito dapprima verbalmente e poi anche fisicamente dal suo vicino di casa. Quest’ultimo, rintracciato sul posto, ha manifestato da subito un atteggiamento scarsamente collaborativo nei confronti degli Agenti, dando da subito in escandescenze, rifiutando di fornire le proprie generalità e rivolgendo nei confronti degli operanti pesanti minacce. A fatica la volante è riuscita a venire a capo dell’intervento, al termine del quale l’esagitato, finalmente calmatosi, è stato indagato a piede libero per violenza o minaccia a P.U. e rifiuto delle proprie generalità.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...