Varese, minorenni rubano smartphone, ma vengono rintracciati

Varese, nel pomeriggio di ieri, i Poliziotti di Quartiere, dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Varese, sono intervenuti in pieno centro cittadino a seguito di una segnalazione al 112 da parte di un minorenne al quale era stato appena rubato il proprio cellulare, mentre si trovava all’interno dei Giardini Estensi. Più in particolare, secondo il racconto della vittima, mentre si trovava seduto su una panchina dei giardini in compagnia di un’amica, gli si avvicinavano due ragazzi, all’apparenza più grandi di lui, i quali, con una certa insistenza, si facevano consegnare il cellulare con la “scusa” di dover fare una chiamata. Peccato, però, che subito dopo si dileguarono senza restituirlo, nonostante le richieste del giovane derubato. La vittima tempestivamente, con il cellulare dell’amica, contattava le forze dell’ordine, dando loro una precisa descrizione dei fatti e degli autori del furto.

Dalla Centrale Operativa, la nota giungeva ai Poliziotti di Quartiere che si mettevano subito sulle tracce dei due responsabili, che venivano prontamente rintracciati in via Morosini, e trovati con in tasca lo smartphone rubato pochi minuti prima. Accompagnati in Questura, dopo le procedure di identificazione e foto-segnalamento, per i due ragazzi, non ancora diciottenni e residenti fuori Varese, è scattata la denuncia a piede libero alla Procura presso il Tribunale per i minorenni per il reato di furto aggravato in concorso, mentre il cellulare veniva restituito dagli Agenti al legittimo proprietario.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...