Varese, evade dai domiciliari per spacciare ancora: arrestato per evasione a Busto Arsizio

Varese, venti giorni fa un giovane di 23 anni, domiciliato in città, era stato sorpreso a Milano mentre spacciava cocaina e hashish dopo essersi organizzato con adeguati nascondigli per la sostanza stupefacente. Tratto in arresto dagli agenti del Commissariato di Scalo Romana, nell’udienza di convalida era stato posto agli arresti domiciliari a Busto Arsizio in attesa del giudizio.

Il 27 marzo nel centro di Busto Arsizio si era reso protagonista di una fuga in sella alla sua bicicletta dopo aver incrociato una pattuglia del Commissariato della Polizia di Stato, venendo nuovamente tratto in arresto per evasione. Nell’occasione gli venivano trovati addosso due involucri contenenti hashish e due telefoni cellulari, il tutto ovviamente contravvenendo alle ulteriori prescrizioni imposte con la concessione della misura degli arresti domiciliari. Tanto è stato sufficiente per il pubblico ministero del Tribunale di Milano per richiedere l’immediato aggravamento della misura.

L’evasione, ma soprattutto il possesso dello stupefacente malgrado l’arresto in flagranza solo pochi giorni prima per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti, secondo il P. M. di Milano sono la chiara dimostrazione della volontà del giovane nel continuare l’attività delittuosa.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Per evitare la reiterazione nella commissione dei reati il giudice ha pertanto deciso di revocare la concessione degli arresi domiciliari. Così nel pomeriggio di ieri, il giovane è stato raggiunto dagli agenti del Commissariato presso il suo domicilio che lo hanno accompagnato presso il carcere cittadino, dove rimarrà in custodia per rispondere all’udienza, programmata per metà aprile, in ordine ai reati da lui commessi fino al giorno del suo arresto.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...