Il Governo punta sul vaccino obbligatorio per gli over 50; nuove regole per la COVID-19 nelle scuole

Inoltre i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età dovranno presentare ai loro datori di lavoro il Green Pass Rafforzato

I casi di Coronavirus sono in crescita, i numeri fanno prevedere un’ulteriore crescita dei contagi e così il Governo è costretto a intervenire. Come? Introducendo l’obbligo vaccinale per gli over 50 e per i lavoratori pubblici.

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato l’ennesimo decreto-legge per fronteggiare l’emergenza COVID-19. L’obiettivo è quello di rendere sicuri i luoghi di lavoro e le scuole, dove cambiano le regola per DAD e la gestione dei casi di positività.

Il testo del Governo introduce l’obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno compiuto i 50 anni; inoltre, dal 15 febbraio 2022, i lavoratori pubblici e privati con 50 anni di età dovranno presentare ai loro datori di lavoro il Green Pass Rafforzato.  Sempre per decisione governativa, il vaccino sarà necessario per tutto il personale scolastico, compreso quello universitario.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Green Pass sul luogo di lavoro

Il Governo incoraggia lo smart-working in ogni situazione possibile, ma la stretta riguarda anche le attività commerciali, per accedere alle quali sarà richiesto il Green Pass Base.

Eventuali eccezioni saranno individuate in un secondo momento dal Governo “per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona”.

Green Pass a scuola

Tutto il personale scolastico necessita il Green Pass. E vige l’obbligo vaccinale.

Cambiano ancora le regole per la gestione dei casi di positività:

  • Nelle scuole dell’infanzia, già dal primo caso di positività, è prevista la sospensione delle attività per una durata di dieci giorni.
  • Per quanto riguarda le scuole elementari, in caso di positività di un alunno, si attiva la sorveglianza e si procede coi test antigenici, da ripete dopo 5 giorni dal primo caso positivo. In caso di due positivi si attiva la DAD per 10 giorni.
  • Nelle scuole medie e nei licei come negli istituti tecnici, dopo il primo caso, sono imposte l’auto-sorveglianza e la mascherina FFP2 per tutti gli alunni. Invece, con due casi di Coronavirus, potranno seguire le lezioni – con l’auto-sorveglianza e l’utilizzo di mascherine FFP2 in classe – solo i possessori di Green Pass Rafforzato, per gli altri è prevista la didattica digitale integrata. Con tre casi nella stessa classe è prevista la DAD per dieci giorni.

LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...