Urbino, donna uccisa nella propria abitazione a Gradara: fermato il marito

Urbino, nel pomeriggio di ieri 26 dicembre 2021, la centrale operativa dei carabinieri del Comando Provinciale di Pesaro e Urbino ha appreso telefonicamente della presenza, all’intemo di un’abitazione ubicata in Gradara (PU), del corpo di una donna priva di vita. Venivano immediatamente allertati i carabinieri della Stazione di Gabicce Mare c della Sezione Radiomobile della Compagnia di Pesaro, che si recavano prontamente in località Fanano di Gradara, ove veniva rinvenuto il corpo di una donna (sessantenne, di nazionalità ucraina), riversa sul pavimento della camera da letto, con chiari segni di lesioni, verosimilmente compatibili con l’azione di un’arma da taglio. All’interno della stessa abitazione veniva trovato anche il marito convivente, un ottantenne pensionato, in evidente stato confusionale. L’area è stata immediatamente circoscritta al fine di preservare ogni traccia od elemento utile ai fini dello indagini, in particolare venivano eseguiti accertamenti urgenti da parte dei militari specializzati del Nucleo Investigativa dei Carabinieri di Pesaro con il successivo repertamento delle tracce presenti all’interno dell’area interessata.
Tutte le indagini espletate venivano dirette personalmente dal Sostituto Procuratore della Repubblica di turno. Sul posto interveniva anche il medico legale, incaricato per l’esecuzione dei rilievi di competenza e per lo svolgimento degli accertamenti autoptici sulla salma della donna, fissati per il 28 dicembre p.y.. . ]] marito della donna veniva immediatamente accompagnato presso la Procura della Repubblica di Pesaro per essere sentito, alla presenza del difensore, dal magistrato inquirente. Al tennine dell’escussionc, sulla base del pave quadro indiziario raccolto a suo carico, veniva emesso decreto di fermo di indiziato di delitto, ex art. 384 c.p.p., in relazione all’omicidio del coniuge. Il provvedimento emesso dall’AG. veniva immodiatamente escguito dai carabinieri di Pesaro nella decorsa notte. Al momento pare che l’uomo possa aver agito per motivi di gelosia. II fermato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di “Villa Fastiggi” in attesa dell’interrogatorio di garanzia che sarà effettuato entro i termini di legge


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...