Udine, trasforma alloggio in B&B: sanzione da 1700 euro

Trasforma un alloggio privato in una struttura ricettiva abusiva: sanzionata una russa 40enne

Udine, trasforma alloggio in B&B: sanzione da 1700 euro.

Gli accertamenti sono stati condotti dall’ufficio Polizia Amministrativa e Commerciale della Polizia locale di Udine.

Avviate le verifiche, dopo diversi sopralluoghi, è emerso che la camera era prenotabile tramite AirBnB, il portale di prenotazioni su cui la camera era recensita decine di volte e i pagamenti potevano avvenire attraverso PayPal.

La titolare non aveva però presentato agli uffici comunali la Segnalazione certificata di inizio attività (Scia), necessaria per le strutture ricettive; non risultava neanche avesse comunicato i nominativi degli ospiti della struttura in Questura, come richiesto dalle normative.

La 40enne è stata quindi sanzionata per violazione alla L.R. 21/2016 sul turismo, per l’importo di quasi mille e 700 euro. La mancata comunicazione delle generalità delle persone alloggiate prevede invece una sanzione penale. Gli organi competenti valuteranno, inoltre, i risvolti fiscali della condotta.

Alessandro Ciani, assessore alla sicurezza, commenta così: “Un plauso alla Polizia locale per questa operazione. La nostra amministrazione condanna ogni forma di abusivismo. In un momento estremamente delicato anche per le strutture ricettive è inaccettabile che cittadini privati si inventino bizzarre forme di dumping che infrangono le regole, danneggiano gli operatori e, aspetto non secondario, non tutelano adeguatamente i fruitori del servizio“.

“Ricordo a tutti che rivolgersi ai professionisti del turismo significa, in prima battuta, mettersi al riparo da truffe o altri problemi. I controlli, a tutela in primis di chi rispetta le regole e paga correttamente le tasse, proseguiranno anche in futuro” ha concluso Ciani.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...