Trieste, tentativi di truffa spacciandosi per Carabinieri

Dicevano che serviva urgentemente consegnare una somma di denaro, 100 o 200 euro, ad un militare che si sarebbe presentato presso l’abitazione da lì a breve

Trieste, tentativi di truffa spacciandosi per Carabinieri.

Nei giorni scorsi diversi cittadini si sono rivolti ai Comandi dell’Arma dei Carabinieri di Trieste denunciando tentativi di truffa condotti per mezzo telefonico.

Nella fattispecie l’interlocutore affermava di essere un Carabiniere che chiamava per conto di un parente incorso nel controllo di una pattuglia in seguito al quale l’automezzo era stato posto sotto sequestro; per poter consentire al congiunto di riprendere la circolazione serviva urgentemente consegnare una somma di denaro, 100 o 200 euro, ad un militare che si sarebbe presentato presso l’abitazione da lì a breve.

In tutti i casi, fortunatamente, le vittime del tentato raggiro hanno effettuato una preventiva verifica telefonica con i comandi dei Carabinieri ricevendo assicurazione dell’estraneità dell’Arma a tali procedure. Nel contempo hanno fornito elementi utili per l’individuazione degli autori del crimine.

Il mancato perfezionamento delle truffe indica che la popolazione è ormai molto più guardinga ma è comunque opportuno ricordare che in nessun caso i Carabinieri chiedono il pagamento di somme in contanti per qualsivoglia atto amministrativo e ancor meno che tali somme vengono riscosse di persona presso il domicilio.

Invitiamo la cittadinanza a denunciare immediatamente analoghi episodi di richieste di pagamento di somme di denaro.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...