Trieste, prende a pugni il suo debitore, viene scoperto e finisce in carcere per una rapina del 2014

Grande e grosso e dal pugno pesante finisce in carcere

Trieste, prende a pugni il suo debitore, viene scoperto e finisce in carcere per una rapina del 2014.

Grande, grosso e con delle mani enormi. Oltre a smontare da solo i ponteggi nel cantiere, il suo pugno pesante veniva sfruttato per convincere le persone in maniera risoluta a pagare i debiti. E così dopo una scazzottata per recuperare dei soldi prestati, era stato individuato quale esecutore materiale del cruento pestaggio. Infatti la vittima lo aveva riconosciuto subito, tradito dalla sua possente stazza fisica.

La stessa caratteristica, a distanza di anni, ha attirato l’attenzione anche dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Aurisina. Il suo sguardo fiero incrocia l’attento occhio dei militari che decidono di controllarlo. E così la pattuglia del Radiomobile scopre il passato violento dell’uomo e che è ricercato con un mandato di cattura. Il soggetto viene così tratto in arresto e lo conducono presso il carcere del Coroneo. L’uomo, un cittadino romeno di 31 anni, dovrà scontare cinque anni di carcere per rapina aggravata commessa a Milano nel 2014.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...