Trieste, individuato molestatore nei confronti di una donna delle pulizia e arrestato camionista con documenti falsi

Trieste, Nel turno serale di martedì 30 ad inizio servizio gli agenti sono intervenuti presso palazzo Thun insieme ad altre forze dell’ordine dove era stata segnalata la presenza di un soggetto che aveva importunato una donna delle pulizie impegnata nel proprio lavoro presso la sede del Comune.

L’uomo all’arrivo degli agenti si era già allontanato ma la descrizione fornita dalla donna ne ha  permesso l’individuazione alcune ore più tardi nelle vie del centro cittadino. Il soggetto risulta già noto al personale di polizia locale e statale intervenuto.

Nel corso dell’attività di ricerca ed individuazione del soggetto, iniziava però un blackout dell’illuminazione pubblica in alcune vie del centro storico gestito con l’intervento immediato del personale reperibile del Comune e con il rafforzamento del pattugliamento delle vie interessate dalla mancanza di corrente allo scopo di garantire il più alto grado di sicurezza possibile.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Nel frattempo in zona Spini di Gardolo una terza pattuglia era impegnata nel controllo sul rispetto della normativa di contenimento pandemico in particolare relativa ai conducenti di mezzi pesanti esteri in ingresso sul suolo nazionale.

Il personale specializzato del Nucleo Autotrasporto accertava tre illeciti alle norme “anticovid” riferite ai membri degli equipaggi  e  una violazione dei limiti di velocità da parte di un camionista spagnolo andato oltre i 140 km/h.

Infine il personale specializzato procedeva al controllo di un camion italiano alla cui guida risultava un cittadino di origini moldave. Il soggetto risultava in possesso di una carta di identità rilasciata in uno Stato membro dell’Unione risultato poi falso dopo essersi rapportati con le competenti autorità del Paese estero mediante il centro di cooperazione internazionale di polizia.

Il soggetto veniva quindi arrestato per il reato di cui all’articolo 497 bis del Codice Penale e, su disposizione del P. M. Pasquale Profiti, ristretto agli arresti domiciliari.

Al soggetto è stata inoltre contestata la violazione della normativa sulla conduzione professionale di questi veicoli con il fermo amministrativo dell’autoarticolato per 60 giorni.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...