fbpx
CAMBIA LINGUA

Trento: “truffa del falso avvocato o carabiniere”, la Polizia arresta l’autore

Una donna trentina di 73 anni è stata raggirata nel pagare 9.500 euro al truffatore.

Trento: “truffa del falso avvocato o carabiniere”, la Polizia arresta l’autore

Alle ore 11.45 del 15 marzo la Squadra Volante è intervenuta in zona Trento Nord, presso l’abitazione di una signora di anni 73, vittima poco prima di una truffa comunemente nota come quella “del falso avvocato o carabiniere”.

Il modus operandi ormai noto da tempo è quello di prospettare telefonicamente un incidente nel quale è incorso il figlio. L’interlocutore al telefono si palesa come avvocato o carabiniere e chiede alla vittima del raggiro un esborso economico per “sanare” la posizione giuridica del figlio caduto in disgrazia. Nel caso di specie vittima è stata un’anziana trentina alla quale era stato prospettato che il figlio aveva investito un ragazzo minore nella zona di Villazzano. L’interlocutore al telefono si è presentato come Maresciallo “Primo” dell’Arma dei Carabinieri ed ha chiesto alla signora un esborso economico notevole per evitare al figlio il ritiro della patente e le conseguenze penali derivanti dall’investimento causato.

Poco dopo è giunto presso la sua abitazione l’emissario del telefonista presentatosi come avvocato “Terzi” al quale la donna ha consegnato 9.500,00€ in denaro contante. Appreso che si era trattato di un raggiro poiché il figlio era in realtà con il marito e non aveva avuto alcun incidente, ha allertato subito questa Questura tramite il 112. Sulla base delle informazioni acquisite sono scattate subito le indagini degli uomini della Squadra Mobile. Grazie alla visione dei sistemi di video-sorveglianza presente nel luogo degli accadimenti e ad una serie di accertamenti effettuati si è giunti all’identificazione dell’autore e soprattutto a ritenere che questi si era dato alla fuga, prendendo un treno dalla stazione ferroviaria di Verona, diretto a Napoli. L’attività info-investigativa immediatamente avviata con con la Polizia ferroviaria dislocata sulla tratta Verona-Napoli, ha così permesso, alle ore 18.00 di ieri, di intercettare il soggetto una volta sceso dal treno alla stazione di Napoli Centrale; si tratta di un napoletano di anni 23, gravato da pregiudizi anche per stupefacenti. Trovato in possesso di tutto il denaro sottratto nella mattina, eccezion fatta dei soldi che gli sono serviti per pagarsi le spese di viaggio, è stato tratto in arresto.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Con sé aveva anche dei gioielli riguardo ai quali sono in corso indagini per stabilirne la provenienza che è da attribuirsi quasi certamente ad altri episodi di truffa perpetrati con analoghe modalità nei giorni scorsi.

Pertanto, chiunque di recente è stato vittima di una truffa con modalità analoghe, è invitato a contattare questi uffici al numero 0461/899749 –750.

Trento: “truffa del falso avvocato o carabiniere”, la Polizia arresta l’autore

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×