Trapani, tentano di estorcere 20mila euro ad un minore, il padre li denuncia e li fa arrestare

Trapani, avevano estorto denaro al padre di un minorenne, le due persone arrestate venerdì scorso dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Trapani.

In particolare, uno dei due giovani, diciannovenne, con piccoli precedenti, aveva convinto il minorenne a lasciargli il libero accesso al proprio garage, per nascondervi non meglio specificati oggetti, in cambio dell’elargizione di un compenso.
In seguito, a causa della sparizione di uno zaino nascosto all’interno della predetta autorimessa, il giovane aveva iniziato a minacciare il minore, paventando conseguenze per lui e per la propria famiglia, qualora i legittimi proprietari non fossero stati rimborsati dell’ammanco del borsone, dato il rilevante valore del contenuto, sconosciuto al minorenne.
Il ragazzo, in preda al panico per le minacce subite, si era quindi confidato con il proprio genitore , che, dopo aver avuto un incontro con l’estorsore, in cui gli erano state prospettate pesanti conseguenze nel caso in cui non avesse pagato una cifra di almeno circa 20.000 euro, aveva deciso di rivolgersi alla Polizia di Stato, prima di un secondo appuntamento con il malvivente.
I poliziotti si sono così appostati in prossimità del luogo concordato per l’incontro ed hanno atteso l’arrivo dell’estorsore , che si è materializzato a bordo di una vettura, accompagnato da un complice con funzione di “palo”.
Non appena è stata consegnata dalla vittima una prima tranche di denaro concordata sul posto, è scattato il blitz ed entrambi i soggetti, uno dei quali ha tentato la fuga, sono stati bloccati.
Per loro, con l’accusa di estorsione in concorso, sono scattate le manette : uno è finito in carcere, l’altro ai domiciliari.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...