fbpx

Torino, uccide un uomo sotto effetto di crack

Lite scoppiata per una sigaretta

Torino, uccide un uomo sotto effetto di crack.

È stato un fattaccio, un delitto senza senso, ma non è ancora chiaro fino in fondo cosa sia davvero accaduto.

Alle 4.30 a Torino un 56enne è disteso sull’asfalto nei pressi di via Villar. Le sue condizioni sono gravissime: è ferito e respira a stento. I primi soccorsi non possono nulla. 

L’uomo abita in un monolocale della zona, ma ha venduto da poco l’appartamento. Non è insolito che esca anche tardi, spesso in compagnia del cane. Sembra un tipo gentile, dicono i vicini. 

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Un omicidio tutto da chiarire. Ma il primo indiziato per gli inquirenti è un ragazzo trovato per strada in ciabatte. 

Per ora si sa solo che l’uomo ha avuto una discussione con il 20enne, residente anche lui in zona. E che forse i due hanno litigato per una sigaretta.

Stando ad alcune prime ricostruzioni, il ragazzo avrebbe aggredito la vittima solo in un secondo momento, quando pensava di esser stato derubato.

Calci, pugni, bastonate. Una violenza inaudita. Probabile, inoltre, che la reazione sia stata alterata dal crack assunto dal 20enne nelle ore di sballo della notte.

I soccorsi sono stati chiamati da alcuni residenti. Molti di loro sono stati svegliati dalle urla e dal trambusto. Pare che sia stato lo stesso ragazzo a chiedere di chiamare l’ambulanza.

La Polizia ha raccolto le prime testimonianze e ora indaga sull’accaduto.  Si attendono sviluppi. Il 20enne è sotto shock. Non si esclude che possa confessare il delitto.

volante notte

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×