Torino, tenta il suicidio nelle cantine del palazzo in cui abita, donna salvata all’ultimo respiro

Torino, tenta il suicidio nelle cantine del palazzo in cui abita, donna salvata all’ultimo respiro.

E’ domenica pomeriggio: dal quartiere Borgo Vittoria giunge una segnalazione relativa al possibile gesto suicida di una signora. Un parente riferisce infatti che la donna si è allontanata di casa lasciando un biglietto di addio in cucina. Acquisite le descrizioni della signora scomparsa, partono immediatamente le ricerche sul territorio. Personale del Comm.to Madonna di Campagna sollecita il marito della signora a verificare se dall’appartamento manchi qualcosa: in effetti, non viene rinvenuto un mazzo di chiavi relativo al vano cantine. Gli agenti si recano allora negli scantinati e individuano una porta dalla quale trapela della flebile luce: ma la porta è bloccata dall’interno. Intuendo che la signora possa trovarsi in quella cantina, gli agenti forzano a mani nude la porta: rinvengono la donna a terra, in preda a convulsioni, la testa avvolta completamente da un sacchetto di nylon stretto al collo con un foulard. I due poliziotti, con l’aiuto di un coltello, tagliano il sacchetto di nylon ed il nodo che stringe il foulard al collo della signora, appurando la presenza di un flebile respiro e del battito cardiaco; in attesa dell’arrivo del 118, la persona soccorsa riprenderà lievemente conoscenza; verrà trasportata in ospedale fuori pericolo di vita.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...