Torino, in carcere il giovane violento che non rispettava gli arresti domiciliari

Già nel corso del 2020 si era dimostrato inottemperante alla misura cautelare a suo carico

Torino, Una puntuale e dettagliata attività d’indagine condotta, negli scorsi mesi, dai poliziotti dell’ufficio del Comm.to Barriera Nizza preposto al controllo dei soggetti sottoposti a misure di prevenzione, sicurezza e cautelari, ha condotto all’emissione da parte dell’Autorità Giudiziaria di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un ventenne italiano con numerosi pregiudizi di polizia per maltrattamenti ai danni di familiari e conviventi. Il giovane, che ha anche altri precedenti di polizia per resistenza a P.U., stupefacenti, furto, inosservanza dei provvedimenti d’Autorità ed evasione, era stato tratto in arresto nell’arco dell’anno 2020  per le condotte maltrattanti, anche molto violente, nei confronti dei parenti prossimi e posto agli arresti domiciliari presso una persona di fiducia lo scorso mese di dicembre. Gli agenti del Comm.to Nizza avevano, però, scoperto che il giovane era solito allontanarsi dall’appartamento in questione, nottetempo, per compiere attività delittuose, soprattutto furti. Lo scorso 4 marzo i poliziotti del Comm.to, dopo essersi appostati sotto casa, lo scorgono uscire. Percorsi alcune centinaia di metri, lo traggono in arresto per evasione. Mercoledì scorso, pertanto, a seguito della circostanziate informazioni fornite all’Autorità Giudiziaria dalla Polizia di Stato, la misura della detenzione domiciliare, palesemente disattesa dal giovane in più circostanze, è stato sostituita dalla custodia cautelare in carcere; il provvedimento è stato eseguito lo stesso giorno dagli agenti dell’Ufficio Misure di Prevenzione.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...