Taranto, avvia un’attività di spaccio in casa sua: 21enne arrestato

Nel cortile del palazzo erano presenti anche delle "vedette"

Taranto, avvia un’attività di spaccio in casa sua: 21enne arrestato.

Insospettiti da un insolito via vai di giovani in uno stabile di Via Veneto a Taranto, i Falchi della Squadra Mobile, impegnati nella quotidiana e costante attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno dato inizio ad un’attività di osservazione.

Dopo diversi servizi di monitoraggio, i due poliziotti sono riusciti ad eludere la sorveglianza delle “vedette” presenti nel cortile del complesso residenziale e ad individuare l’appartamento dal quale entravano ed uscivano frettolosamente dei ragazzi conosciuti come assuntori abituali di sostanze stupefacenti.

Il controllo

I due poliziotti, al fine di acquisire maggiori riscontri ai sospetti maturati, hanno suonato il campanello dell’abitazione individuata. Una donna, con molta circospezione, ha aperto loro la porta d’ingresso.

Di fronte ai due insoliti uomini, la donna prima ha fatto loro cenno di entrare, successivamente, colta dal sospetto, ha chiuso violentemente l’uscio, incastrando il braccio e la gamba di uno dei due poliziotti tra l’anta ed il telaio. Grazie al pronto intervento del secondo poliziotto, gli agenti sono riusciti ad entrare in casa. Nell’appartamento era presente anche il fratello della donna che ha tentato in tutti i modi di ostacolare l’attività di polizia giudiziaria. 

Il giovane, visibilmente agitato, ha cercato di nascondersi nella camera da letto ma gli agenti lo hanno raggiunto ed hanno notato, posizionati in bella vista sul comò, diversi involucri di cellophane contenenti presumibile sostanza stupefacente pronti per essere venduti. 

La centrale dello spaccio

Trovandosi di fronte ad un vero e proprio luogo adibito allo spaccio di presunta sostanza stupefacente, gli operatori hanno eseguito una perquisizione ed hanno rinvenuto e sequestrato: 89 dosi termosaldate di cocaina, custodite all’interno di due contenitori di plastica del peso complessivo di 40 grammi circa, 4 tocchetti avvolti in carta da forno del peso di 8 grammi circa, un bilancino di precisione intriso della stessa sostanza stupefacente, 6 “spinelli” già confezionati e pronti all’uso, oltre a 1475,00 euro in banconote di vario taglio ritenute provento dell’illecita attività.

Il giovane, con numerosissimi e recenti precedenti penali alle spalle, era stato già arrestato nel gennaio 2021 dalla Polizia di Stato perché ritenuto presunto responsabile, insieme ad un suo complice, di numerosi furti notturni in danno di diversi esercizi commerciali destando enorme preoccupazione tra i  commercianti del centro cittadino.

L’arresto

Condotto presso gli uffici della Questura per ulteriori accertamenti, il 21enne ha spontaneamente ammesso che tutto il materiale sequestrato era di sua proprietà ed era destinato allo spaccio.

Trasmessi gli atti all’Autorità Giudiziaria per la convalida, l’uomo è stato arrestato in flagranza per presunta detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e condotto presso la Casa Circondariale di Taranto.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...