Soffocata dal suo compagno, ennesimo femminicidio a Milano

577

L’hanno trovata i soccorritori e la figlia maggiore a terra esanime, soffocata da un cuscino che era sulla testa e con un principio di incendio in casa. Roberta Priore, consulente di 53 anni, residente in via Piranesi 19, è stata trovata uccisa nel suo appartamento nel pomeriggio di martedì 19 marzo. A lanciare l’allarme era stata proprio la figlia maggiore alla quale non rispondeva al telefono. Intanto il suo compagno, un toscano che viveva da poco con lei, è stato rintracciato e portato in Commissariato dagli uomini della Squadra Mobile. Si teme si tratti di un altro femminicidio e a corroborare la tesi sono state le numerose testimonianze dei vicini di casa che hanno parlato di frequenti liti nella coppia. Il sospettato potrebbe averla soffocata al termine dell’ennesima lite e poi aver inscanto un tentativo di rapina e un incendio prima della fuga. A lui i poliziotti sono arrivati subito, dato che recentemente erano intervenuti sul posto per le liti e i maltrattamenti subiti dalla donna. Carlo Artusi, il 48enne compagno della vittima ha poi confessato il delitto. Era sconvolto.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...