fbpx
CAMBIA LINGUA

Smantellata in tutta Europa rete neonazista e suprematista: coinvolti nell’inchiesta anche due minori italiani

Pronti a commettere in ogni momento atti violenti contro ebrei, musulmani e chiunque fosse considerato di “razza inferiore”

Smantellata in tutta Europa rete neonazista e suprematista: coinvolti nell’inchiesta anche due minori italiani.

I poliziotti del Centro operativo sicurezza cibernetica della Polizia Postale e della Digos di Torino, diretti dalla Direzione centrale della Polizia di prevenzione e dal Servizio Polizia Postale, hanno partecipato ad un’operazione internazionale coordinata dalle agenzie Eurojust ed Europol per il contrasto al fenomeno del radicalismo sul web di matrice suprematista e neonazista.

Le indagini hanno evidenziato un network operativo in tutta Europa e rappresentato in Italia da due minorenni di Torino e Salerno.

Sono 6 i Paesi interessati, diversi i membri della rete perquisiti e 5 gli arrestati, distribuiti su tutto il territorio del Vecchio continente.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Materiale logo nuovo

Il gruppo pubblicava, su chat private, manuali per l’attacco ed il sabotaggio delle infrastrutture critiche, oltre a istruzioni per la fabbricazione di armi ed esplosivi ed era pronto a commettere in ogni momento atti violenti contro ebrei, musulmani e chiunque fosse considerato di “razza inferiore”.

Inoltre, è stato scoperto un vero e proprio culto da parte dei partecipanti verso suprematisti che negli anni si sono resi responsabili di gravi attentati terroristici, come la strage di Utoya nel 2011 o quella di Christchurch nel 2019.

I due minorenni italiani, denunciati dai poliziotti, erano particolarmente attivi nella pubblicazione di frasi d’odio xenofobe e antisemite ed erano fuoriusciti dal gruppo europeo per aderire ad un altro gruppo Telegram con posizioni più teorico-ideologiche e meno militanti sul piano operativo.

Ai due sono stati sequestrati computer e telefoni cellulari, oltre ad alcune armi softair, un pugnale con simboli nazisti e riproduzioni di distintivi delle forze di Polizia.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×