Siracusa, recuperata l’arma del delitto dello sparo in centro ad Avola, arrestato l’uomo che sparò

Siracusa, Nella giornata di ieri, agenti della Squadra Mobile della Questura di Siracusa e del Commissariato di P.S. di Avola hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Li Gioi Gabriele, di 39 anni, per i reati di tentato omicidio, porto in luogo pubblico e detenzione di arma clandestina. 

Nella mattina di ieri, gli investigatori della Squadra Mobile e del Commissariato sono intervenuti in una zona centrale del Comune di Avola a seguito di una segnalazione di esplosioni di colpi d’arma da fuoco, durante una lite tra due uomini.

I poliziotti intervenuti si sono trovati davanti ad un uomo sanguinante, di poco più di trent’anni, che si stava allontanando con un grosso arnese in mano. 

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Il rivale era già scappato ma veniva rintracciato proprio mentre stava per recarsi presso la sede del Commissariato di Avola.

Giunto negli Uffici di Polizia, l’aggressore, dinnanzi ai poliziotti increduli per l’accaduto, ha ammesso di aver esploso numerosi colpi in direzione del proprio avversario, attingendolo in più punti, con l’arma che aveva illecitamente al seguito.

Dal racconto emergeva che la vittima ha provato a difendersi con un grosso arnese ma ha comunque avuto la peggio riportando ferite d’arma da fuoco alle due gambe ed escoriazioni varie. 

Il ferito, giunto al pronto soccorso dell’Ospedale di Avola, ha ricevuto le prime cure dai sanitari ed è stato sottoposto ad un delicato intervento alla gamba per l’estrazione di un proiettile.

A sua volta anche per il Li Gioi si sono rese necessarie le cure dei sanitari per le ferite riportate a seguito dei colpi inferti dalla vittima nel tentativo di difendersi.

I poliziotti, pertanto – coordinati dal Procuratore Aggiunto della Repubblica, dott. Fabio Scavone e dal Sostituto Procuratore della Repubblica dott. Gaetano Bono, che assumevano immediatamente la direzione delle indagini, iniziavano a visionare le   telecamere di videosorveglianza della città e ad acquisire, nella immediatezza, elementi utili alla ricostruzione degli eventi.

Dalle indagini, corroborate da immagini e dalle dichiarazioni dei presenti, è emerso che i due contendenti, a bordo delle proprie autovetture, avevano avuto un incontro occasionale poi sfociato nella lite degenerata ben presto nell’esplosione di più colpi. L’arma impiegata per il delitto, un revolver privo di matricola, che nel frattempo era stato gettato in un terreno rurale sito a poche centinaia di metri dal luogo dei fatti, è stato trovato ben presto dagli investigatori.

Fra i due uomini era in atto un’accesa contesa, fra l’altro recentemente sfociata in episodi di danneggiamento che l’aggressore aveva subito ad opera della vittima.

Il Li Gioi è stato arrestato e condotto presso la casa Circondariale di Siracusa. 

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...