SEQUESTRATI TESORI E ARRESTATI 30 COLLETTI BIANCHI

630

TRENTA PERSONE IN MANETTE tra cui un imprenditore edile molto in vista in brianza, Giuseppe Malaspina, oltre a un ex giudice fallimentare di Monza e due avvocati tra le province di Milano, Monza, Asti e Reggio calabria. Questo il bilancio dell’operazione Domus Aurea condotta dalla Guardia di Finanza di Monza e Milano coordinata dal pm monzese Salvatore Bellomo. Un’operazione partita già anni fa con la denuncia di corruzione all’interno di un piccolo comune brianzolo da parte di un gruppo politico di opposizione. Sequestrati dai finanzieri l’albergo di lusso Ca’ Sagredo a Venezia con gli affreschi del Tintoretto, il palazzo che a Milano ospitava l’hotel Gritti, a due passi dal Teatro alla Scala, e l’agriturismo con piscina e maneggio, La Malaspina, a Ornago in Brianza, per un valore complessivo di oltre 100 milioni di euro. Le accuse riguardano «l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti da parte delle società per un ammontare di circa 95 milioni di euro», con «distrazioni patrimoniali per un valore pari a circa 234 milioni di euro».

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...