Savona, incendio di Albenga: bruciati 400 ettari di verde

Nessun ferito grazie a Vigili del Fuoco, Protezione Civile, Forze dell'Ordine e volontari

Savona, incendio di Albenga: bruciati 400 ettari di verde.

In questi due giorni, nell’incendio che ha interessato la zona di Albenga, sono andati bruciati 400 ettari di porzione boschiva, il doppio del territorio andato a fuoco in Liguria nell’arco di tutto l’anno.

“Un danno incalcolabile – hanno detto il presidente della Regione Liguria e l’assessore regionale alla Protezione Civile – al patrimonio verde della nostra regione ma se non si sono registrati feriti dobbiamo ringraziare i Vigili del Fuoco, le Forze dell’Ordine che stanno coordinando gli interventi, i volontari, i piloti dei mezzi aerei e tutta la macchina di Protezione Civile che ancora una volta ha dimostrato di essere efficace ed efficiente”.

“Sul posto continuano gli interventi dei canadair e degli elicotteri regionali e speriamo che la situazione possa migliorare entro la serata. Nel frattempo, visto che non è ancora stato dichiarato lo stato di cessata pericolosità, raccomandiamo a tutti la massima prudenza”. Così  in merito all’incendio che sta interessando la zona di Albenga.

Il rientro nelle abitazioni degli sfollati

“Abbiamo fatto il punto con i sindaci – ha aggiunto l’assessore alla Protezione Civile -, con il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco e con il Prefetto. Adesso dobbiamo valutare quante persone potranno tornare nelle loro case e quante invece probabilmente non potranno farlo entro questa sera”.

“Si tratta di poche unità, sicuramente i due nuclei familiari degli appartamenti danneggiati dalle fiamme e situati sulla collina a ridosso dell’aeroporto nel quartiere di Borgoverde. Siamo – conclude l’assessore – quindi al lavoro per riconoscere l’autonoma sistemazione alle 4 persone che hanno i loro appartamenti inagibili”.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...