Sassari, cacciatori ritrovano dei resti umani: si pensa sia il corpo di Silvana Gandola

Il ritrovamento alla foce del Rio Vignola, la donna era irrintracciabile dal marzo scorso

Sassari, cacciatori ritrovano dei resti umani: si pensa sia il corpo di Silvana Gandola.

Durante una ricognizione di caccia nell’area del Rio Vignola, un gruppo di cacciatori si è imbattuto in una borsa e altri oggetti abbandonati. Setacciando la zona, i cacciatori hanno ritrovato dei resti umani e hanno immediatamente avvisato i carabinieri. Sul posto si sono recati i militari della Compagnia di Tempio Pausania e del Nucleo Investigativo, insieme hanno proceduto ai rilievi scientifici ed al recupero dei resti. Nella borsa sono stati rinvenuti dei documenti, soldi in contanti ed altri oggetti personali che si ritengono appartenere a Silvana Gandola, torinese 82enne scomparsa nel marzo scorso mentre passeggiava nei pressi della spiaggia di Torre Vignola insieme ad un’altra donna.

Il luogo del ritrovamento dista circa 1km dal luogo della scomparsa ma è difficilmente raggiungibile. Le ricerche sono partite già poche ore dopo la segnalazione della scomparsa, ma nonostante l’impegno di Carabinieri, Vigili del Fuoco, Croce Rossa e volontari di vario tipo, non ci sono stati sviluppi sino alla giornata di oggi, 31 gennaio 2022. Ulteriori accertamenti saranno fatti nei prossimi giorni per confermare l’identità della vittima.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...