Roma, tre prostitute uccise: sotto interrogatorio un 50 enne

Il 50enne italiano non sarebbe al momento in stato di fermo

Roma, tre prostitute uccise: sotto interrogatorio un 50 enne.

Giovedì a Roma, nel quartiere Prati sono stati ritrovati tre cadaveri, tre donne uccise. Le prime indagini hanno portato all’ipotesi di un killer, che conosceva tutte e tre le vittime, che per vivere facevano le prostitute. Il primo duplice delitto intorno alle 11 di giovedì 17 novembre in via Augusto Riboty, dove due cittadine cinesi sono state uccise a colpi di coltello. Alle 13 la terza vittima, Marta Castano Torrescolombiana di 65 anni, trovata senza vita e in una pozza di sangue in via Durazzo.

Questa mattina la Polizia ha fermato un uomo italiano, di 50 anni, sospettato di essere l’omicida delle tre donne. L’uomo avrebbe dei precedenti penali e sarebbe dipendente dalle droghe ed è stato sottoposto ad un interrogatorio da parte della Squadra Mobile Scientifica nei pressi della Stazione Termini, dopo averlo prelevato da un bed & breakfast in via Milazz0, sempre zona Termini.

Nonostante l’interrogatorio e lo stato di sospettato di pluriomicidi, il 50enne non sarebbe al momento in stato di fermo.

Il Questore di Roma Mario Della Cioppa ha rilasciato una nota affermando che : “La situazione è sotto stretto controllo e riteniamo di poter affermare che la collettività possa tornare ad essere più tranquilla perché altri fatti collegati a questi tragici avvenuti non ci saranno“. Il Questore ha proseguito: “ In merito ai tragici fatti che si sono verificati nel quartiere Prati siamo estremamente soddisfatti per il lavoro che sta portando avanti la Squadra Mobile e la Polizia Scientifica, in sinergia informativa con l’Arma dei Carabinieri, seguendo le indicazioni della Procura della Repubblica“. “Dettagli inerenti lo stato delle indagini dobbiamo confrontarci con il Procuratore Lo Voi con il quale siamo costantemente in contatto per doveroso rispetto verso chi ha la direzione delle stesse e verso il lavoro che sta conducendo il PM titolare, insieme al Capo della Squadra Mobile. Quale Autorità Provinciale di pubblica sicurezza, ben consapevole delle aspettative della cittadinanza, molto scossa dai fatti e che, giustamente, invoca sicurezza, posso assicurare che al momento la situazione è sotto stretto controllo e riteniamo di poter affermare che la collettività possa tornare ad essere più tranquilla perché altri fatti collegati a questi tragici avvenuti non ci saranno. Al momento opportuno, gli organi investigativi e la Procura della Repubblica forniranno le informazioni doverose” conclude il numero uno di San Vitale.

Roma, tre prostitute uccise: sotto interrogatorio un 50 enne

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...