Roma, servizi anti-droga: 7 arresti, b&b in centro tra le basi dello spaccio; sequestrati 1,2kg di marijuana, cocaina, hashish e shaboo

Roma, incessante l’impegno degli uomini della Polizia di Stato nel monitorare e contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nella capitale, attraverso un potenziato controllo del territorio e capillari attività info-investigative.

I.M.M., 35enne e B.G.D. 43enne, entrambe originarie delle Filippine, utilizzavano invece un B&B nel centro della capitale come base per la loro attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Sono stati gli agenti del commissariato Borgo, diretto da Liliana Galiani, nel corso di controlli mirati a strutture recettive del centro ad intercettarle in via Goito con a seguito un trolley ed una borsa sportiva mentre stavano entrando all’interno della struttura ricettiva. Le due donne, prelevandole dalla tasca dei pantaloni e dal reggiseno, hanno consegnato spontaneamente agli agenti due dosi di shaboo. Altre 5 dosi insieme a carta stagnola, bustine in cellophane trasparenti e 285 euro in contanti, sono state trovate dai poliziotti nel corso della perquisizione della stanza a loro in uso.

Gli agenti del Commissariato Fiumicino, diretto da Catello Somma, al termine di un sevizio di osservazione ed appostamento, hanno posto fine all’attività di spaccio messa in atto da un giovane nel territorio di Fregene. L. M. , difatti, veniva notato spostarsi di frequente tra i locali serali della zona e un’abitazione sita a poca distanza dagli stessi; tali sospetti hanno consentito agli agenti di rinvenire, nel corso della perquisizione effettuata presso tale abitazione, 600 grammi di hashish e 83 di marijuana, mentre in un secondo appartamento, ove il ragazzo risiede, altri 24,4 grammi di hashish, 23 grammi di estratto d’olio di hashish e la somma di 450 euro in contanti, costituenti il provento dell’attività di spaccio.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Controlli serrati, da parte degli agenti del X Distretto di Lido, diretto da Antonino Mendolia nei confronti delle persone sottoposte a misure di detenzione domiciliare, hanno permesso loro di arrestare in flagranza di reato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti A.E., 45enne romano, già sottoposto alla misura degli arresti domiciliari presso la sua abitazione. L’uomo, che ha aperto la porta dopo circa 5 minuti dallo scampanellio dei poliziotti, ha consegnato agli agenti spontaneamente due piccole dosi di hashish e un barattolo contenente marijuana, sostenendo di non detenere altra sostanza stupefacente. Spinti dal loro intuito investigativo, gli agenti, tuttavia, hanno effettuato un’accurata perquisizione dell’abitazione rinvenendo in un mobile tipo botte in legno, all’interno della cucina, 400 grammi di marijuana, 49 grammi di hashish, due bilancini di precisione e altri 6 grammi tra hashish e marijuana.

Nella zona di competenza del VII Distretto San Giovanni, diretto da Antonio Soluri, gli agenti hanno fermato per un controllo il diciannovenne romano B. S., in quel momento alla guida della propria autovettura. In quel frangente il giovane ha cercato di disfarsi di un involucro in plastica, prelevandolo, dai pantaloni, ma il gesto è stato vanificato dalla repentina reazione dei poliziotti che hanno così recuperato la sostanza stupefacente contenuta al suo interno, risultata poi essere cocaina per un peso di 7 grammi oltre alla somma di 490 euro, già in precedenza trovata in suo possesso. È così scattato per lui l’arresto

Pedinamenti e servizi di osservazione, con questi strumenti investigativi gli agenti del commissariato Celio diretto da Maria Sironi hanno sorpreso C.A., 46enne romano mentre, in via Annibale Maria di Francia cedeva un involucro ad un uomo in cambio di alcune banconote. Scattato immediatamente il controllo, l’acquirente che ha gettato in terra un sacchetto con 0,7 grammi di cocaina, è stato sanzionato in via amministrativa. Perquisito C.A è stato trovato in possesso di tre dosi di cocaina e 265 euro, altre sei dosi sono state trovate nella sua abitazione.

Un inseguimento a piedi da parte degli agenti della Sezione Volanti, diretta da Massimo Improta, ha condotto all’arresto di un cittadino originario della Tunisia. L’inseguimento, partito tra via Boccea angolo Circonvallazione Cornelia, è scaturito dalla fuga del giovane che quando ha visto avvicinarsi i poliziotti, è scappato. Bloccato in via Domenico Tardini dai poliziotti, nonostante i calci sferrati dallo stesso nella loro direzione, B.J.S., 30enne, è stato trovato in possesso di 4 dosi di cocaina e 22 dosi per un totale complessivo di 21 grammi di sostanza stupefacente.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...