fbpx
CAMBIA LINGUA

Roma, arrestati due uomini che rapinavano supermercati

Presi di mira i quartieri di Acilia, Esposizione, Colombo, Tor Carbone e San Giovanni

Lo schema è fisso, come il copione di un film d’azione. Sul luogo prescelto per la rapina giungono sempre a bordo di uno scooter – uno alla guida per fare da palo e l’altro in azione – ed entrambi armati di pistola. 

Un’organizzazione che dà garanzie e che permette la riuscita di un buon numero di colpi. Fin quando la targa dello scooter non li tradisce. 

Analizzati i sistemi di videosorveglianza di alcuni supermercati rimasti vittima dei due, la Polizia scopre che la targa del loro scooter coincide con quella di un mezzo rubato tempo prima.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Un’intensa attività investigativa rivela, allora, che uno dei due uomini proviene dal quartiere di Acilia. Così, concentrati gli equipaggi in quella zona, lo si riesce a sorprendere proprio mentre sale a bordo dello scooter segnalato.

L’uomo, pregiudicato, viene denunciato per ricettazione e, grazie alle perquisizioni, viene indicato come il più giovane dei due autori delle rapine denunciate. Gli abiti sequestrati nella sua abitazione sono perfettamente compatibili con quelli usati nel corso dei reati. Per lui si spalancano le porte del carcere di Regina Coeli. 

Perso il complice, l’uomo rimasto in libertà comincia a muoversi con un mezzo diverso: un’autovettura utilitaria di colore rosso che, in questo caso, semplifica il lavoro degli inquirenti. 

Gli agenti, nel giro di poco tempo, giungono all’identificazione dell’intestatario della vettura: un uomo, con precedenti, che viene sottoposto a perquisizione domiciliare. I controlli rivelano la presenza di un’arma corta replica, del tutto compatibile con quella immortalata dalle immagini di videosorveglianza dei supermercati rapinati.

L’identificazione dei due consente, infine, la ricostruzione dei loro spostamenti sul territorio attraverso il tracciamento dei tabulati telefonici dei rispettivi cellulari.

Quest’ultima attività conferma che, in occasione di tutte le rapine in analisi, i due uomini sono soliti incontrarsi prima in zona Acilia per organizzare il colpo e cambiarsi d’abito. Solo in un secondo momento si spostano verso gli obiettivi, per fare poi ritorno alle rispettive abitazioni.

L’operazione è stata condotta da personale dei “Falchi” della Sesta Sezione “Contrasto al Crimine diffuso” della Squadra Mobile e della Squadra di Polizia Giudiziaria del Distretto “San Giovanni” di Roma.

Per i due indagati, cittadini romani rispettivamente classe ’77 e classe ’58, sono state disposte le misure cautelari perché indiziati di aver commesso nove rapine aggravate in concorso e quattro rapine (nel caso del più anziano dei due) in solitaria. 

I supermercati presi di mira, tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021 (in piena emergenza covid), si trovano nei quartieri: Acilia, Esposizione, Colombo, Tor Carbone e San Giovanni.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×