Riccione, chiusa una discoteca: 800 persone sorprese a ballare nonostante i divieti

Riccione (Rimini), continuano i controlli effettuati dalla Polizia di Stato di Rimini presso i locali pubblici della provincia per verificare il pieno rispetto delle attuali misure governative per il contenimento della pandemia da Covid-19, attività che ha portato la chiusura di una discoteca.

In particolare, nella serata di ieri, alle ore 02.15, il Personale dell’Ufficio Polizia Amministrativa e di Sicurezza della Questura di Rimini, è intervenuto in una discoteca di Riccione, ove era stato pubblicizzato sui canali social un evento musicale con un ospite di rilievo, in grado di richiamare parecchi giovani.

Dopo una breve osservazione, effettuata all’esterno del locale, dove erano stati organizzati i controlli per il possesso del “green pass” e un’area dedicata all’effettuazione di tamponi rapidi, gli agenti decidevano di entrare all’interno dove constatavano la presenza di numerosi giovani intenti a ballare a ritmo di musica diffusa dal dj, incentivati dal vocalist. All’interno del locale si constatava la presenza di circa 800 persone, molti delle quali intente a fumare, tutte sprovviste dei dispositivi di protezione individuale.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Alla richiesta di spiegazioni, il gestore del locale, al momento non in grado di esibire la licenza di pubblico spettacolo e per la somministrazione di alimenti e bevande, dichiarava di non essere riuscito ad evitare l’assembramento dei giovani ed il rispetto delle normative anticovid. Alla luce di quanto riscontrato, al gestore sono state contestate le violazioni amministrative previste per il mancato rispetto delle attuali direttive oltre che la chiusura provvisoria del locale per 5 giorni.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...