Ravenna, tentò di uccidere la moglie avvelenando il caffè ogni giorno: fermato per tentato omicidio

Ravenna, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura della Repubblica di Ravenna nei confronti di un italiano accusato di tentato omicidio, violenza sessuale aggravata e maltrattamenti nei confronti della ex coniuge.

L’attività di indagine ha avuto inizio allorché la donna si è recata alcuni giorni fa presso un Comando Stazione dell’entroterra faentino per denunciare le violenze fisiche e verbali patite ad opera dell’ex coniuge, riferendo inoltre un inquietante sospetto circa la possibilità che lo stesso potesse aver provato a somministrarle in maniera occulta dei medicinali in sovradosaggio, al fine di recarle nocumento.

Gli accertamenti investigativi, coordinati e disposti dal Sostituto Procuratore Cristina D’aniello, hanno permesso di acclarare, grazie a ricostruzioni testimoniali ed attività tecnico-intercettive la dinamica di un reale tentativo continuato di avvelenamento da parte dell’uomo nei confronti della ex moglie, attraverso la somministrazione di dosi di anticoagulanti sciolti nel caffè, al fine di procurarle emorragie.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Le indagini hanno peraltro consentito di accertare, in un contesto stratificato nel tempo, maltrattamenti fisici e psicologici e due episodi di violenza sessuale nonostante la già avvenuta separazione tra l’uomo e la donna.

La gravità, nonché estrema pericolosità, delle condotte poste in essere dall’uomo in relazione al tentativo attuale di avvelenamento hanno comportato la decisione da parte dell’Autorità Giudiziaria di procedere a fermare immediatamente il soggetto, il quale ora si trova ristretto presso la Casa Circondariale di Ravenna in attesa dell’udienza di convalida.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...