Ragusa, giovane pusher scappa dai Carabinieri tra i campi ma cade e si consegna ai militari

Arrestato un 17enne

Ragusa, giovane pusher scappa dai Carabinieri tra i campi ma cade e si consegna ai militari.

Nella mattinata di lunedì si è svolta l’udienza di convalida dell’arresto di un diciassettenne di Ragusa trovato in possesso di un rilevante quantitativo di stupefacente.

Cosa è successo?

La vicenda traeva origine da specifico servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti operato dalla Sezione Operativa della Compagnia di Ragusa, durante il quale i militari di pattuglia notavano il ragazzo, poiché già arrestato in passato, uscire da un edificio. Il giovane riconosciuti i militari si dava repentinamente alla fuga.

I militari insospettiti dall’azione fulminea inseguivano il giovane ragusano, che per eludere i controlli si addentrava in dei fondi agricoli e quasi raggiunto dalla pattuglia decideva di saltare un basso muro in pietra, il quale delimitava il manto stradale da una discesa scoscesa, nel quale cadeva fino a raggiungere un terrazzamento.

Alla luce del gesto, i Carabinieri al fine di tutelare l’incolumità del giovane, decidevano di desistere dall’inseguimento e richiedere l’intervento del 118.

Il pusher si consegna ai Carabinieri

Il ragazzo ravvedendosi della pericolosità dell’azione, decideva autonomamente di risalire la discesa e avvicinarsi ai militari operanti, che fatte medicare dagli operatori sanitari, giunti poco dopo, le lievi ferite riportate a seguito della caduta, procedevano ai controlli sul posto.

Spostando gli accertamenti a casa del giovane, ove conviveva con la madre, i Carabinieri rinvenivano nell’armadio della sua cameretta delle buste in cellophane contenenti un totale di circa 200 g di marijuana, un bilancino di precisione e del materiale idoneo al confezionamento dello stupefacente, nonché, la somma contante di circa 13500€ in banconote di piccolo taglio provento dell’attività di spaccio.

L’arresto

In ragione della sostanza stupefacente, degli strumenti per il confezionamento, del denaro detenuti e di quanto fatto per cercare di eludere i controlli, il diciassettenne veniva arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e ristretto presso il centro di prima accoglienza di Catania, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...