Pordenone, polizia di stato: entrata in Italia violando la normativa per il contenimento della diffusione del contagio dal virus covid-19. Nei guai autista rumeno e passeggeri

Pordenone, La Sezione Polizia Stradale di Pordenone sta intensificando i controlli inerenti gli adempimenti per la limitazione della diffusione del contagio dal Virus Covid-19 .
Questo per salvaguardare la salute pubblica e poter permettere la circolazione nel rispetto dei dettami della normativa, in quanto eseguire efficaci controlli, comporta la possibilità di limitare la diffusione del Virus.
Tenere alta la guardia in questo peculiare momento di percepito affievolimento dello stato emergenziale permette di evitare l’insorgere di cluster e di focolai epidemici.
Nel fine settimana scorso, lungo la A28, all’altezza degli svincoli di Pordenone, gli agenti fermavano un furgone adibito al trasporto di persone di nazionalità moldava con 7 persone a bordo.
Da quanto appurato l’autista partito dalla Romania aveva attraversato l’Ungheria, la Slovenia, entrando in Italia dal valico di Gorizia.
Da subito i passeggeri mostravano un inusuale nervosismo che spingeva i poliziotti ad approfondire il controllo ed in particolare a verificare se venivano rispettate le prescrizioni per il contenimento della diffusione del Virus Covid-19.
Controllati attentamente i sette passeggeri subito risultava che non avevano ottemperato alle prescrizioni imposte dalla normativa vigente per l’entrata nel territorio Italiano, di conseguenza venivano contravvenzionati con una sanzione amministrativa pecuniaria complessiva di euro 4266,64 e segalati alle autorità sanitarie per gli adempimenti dovuti.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...