Piombino, tenta di sfondare a calci la porta di casa dell’ex: 34enne arrestato

Lei non era in casa, un vicino ha segnalato il misfatto

Piombino (Livorno), tenta di sfondare a calci la porta di casa dell’ex: 34enne arrestato.

Il provvidenziale intervento dei Carabinieri del NORM di Piombino ha scongiurato un possibile episodio di violenza domestica. Un 34enne di origini nord africane ha cercato di sfondare a calci la porta di ingresso all’appartamento che fino a qualche anno fa condivideva con la ex compagna, in quel momento fortunatamente assente da casa.

La segnalazione

Il forte rumore prodotto dai calci ha però allarmato un privato cittadino inducendolo a telefonare al NUE 112 per richiedere il pronto intervento di una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile. Giunti rapidamente sul posto, i carabinieri hanno sorpreso lo straniero ancora all’interno dell’androne del palazzo.

L’uomo, già noto agli operanti, era però gravato dal marzo di quest’anno dalla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla persona offesa irrogatagli dall’AG di Livorno dopo che i carabinieri avevano raccolto rilevanti elementi a suo carico circa violenze ed angherie nei confronti dell’ex compagna. 

Arrestato in flagranza di reato

Essendo stato colto sul fatto, il 34enne è stato tratto in arresto in flagranza di reato. L’A.G. labronica lo ha convalidato l’arresto ed ha applicato all’uomo il più afflittivo divieto di dimora nel comune di Piombino.

La vicenda è l’occasione per segnalare l’importanza delle segnalazioni dei cittadini: in questo caso la telefonata al 112 NUE ha agevolato l’intervento dei carabinieri che hanno potuto così procedere all’arresto del 34enne.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...