fbpx
CAMBIA LINGUA

Perseguitava i parenti pretendendo un risarcito per il fallimento dell’azienda di famiglia: stalker arrestato a Gorizia

Sul suo profilo social avrebbe addirittura postato dei video che lo riprendono mentre invoca l'intervento di Totò Riina e di Bernardo Provenzano

Perseguitava i parenti pretendendo un risarcito per il fallimento dell’azienda di famiglia: stalker arrestato a Gorizia.

Un uomo di 50 anni è stato arrestato dalla Polizia della Questura di Gorizia, in esecuzione di una misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Busto Arsizio, poiché da anni perseguitava i congiunti che vivono appunto a Busto Arsizio, ritenendo di aver diritto a essere da loro risarcito per il fallimento dell’azienda di famiglia, che aveva sede in Friuli Venezia Giulia.

Secondo l’accusa, l’uomo, dal 2018, minacciava, molestava e commetteva atti vandalici nei confronti del fratello, domiciliato a Busto Arsizio, e di altri parenti residenti in Sicilia e nel Milanese, tutti rei di aver cercato di mediare tra i due fratelli.

Tra le accuse più gravi di cui dovrà rispondere l’uomo, ci sono video e messaggi in cui minacciava di uccidere e «fare a pezzi» i parenti nelle varie regioni d’Italia, con danni causati alle auto del fratello.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Sul suo profilo social avrebbe addirittura postato dei video che lo riprendono mentre invoca l’intervento di Totò Riina e di Bernardo Provenzano davanti alle rispettive tombe dei mafiosi, contro i suoi parenti.

20230325_105158

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×