Pavia, fermati due ragazzi per possesso di armi illecito e oggetti atti a offendere

Pavia, Nella giornata di ieri 8 agosto la Polizia di Stato di Pavia ha denunciato due cittadini italiani residenti in provincia di Pavia, di 19 e 30 anni, per ricettazione e porto di armi ed oggetti atti ad offendere.
Poco prima delle 16.00, un equipaggio dell’U.P.G.S.P. in servizio di controllo del territorio nella zona di via Manara/via san Giovannino, ha incrociato due ragazzi a bordo di uno scooter, i quali alla vista della pattuglia hanno accelerato sensibilmente l’andatura.
Gli Agenti hanno intimato l’alt al conducente, che però ha proseguito la marcia fino ad arrivare in via Carcano.

Qui, i due giovani hanno abbandonato repentinamente lo scooter con il motore acceso e si sono dati alla fuga in due distinte direzioni.
Con il supporto di un secondo equipaggio di Volante, al termine di un breve inseguimento, entrambi sono stati bloccati.
Uno dei due, il conducente del mezzo, sperando di far perdere le proprie tracce, si era nascosto in un condominio, ma è stato raggiunto e prontamente riconosciuto da un poliziotto.
Durante gli accertamenti, è emerso che lo scooter era stato asportato a Milano nelle scorse settimane ma la proprietaria non aveva ancora sporto denuncia, poiché ignara di quanto accaduto.
Infatti la donna, 63enne, lo aveva parcheggiato in strada lo scorso 15 luglio ed era poi partita per le vacanze.
Prontamente contattata da personale dell’U.P.G.S.P., la stessa già nel tardo pomeriggio di ieri si è recata presso il più vicino ufficio di polizia per sporgere denuncia.
Nel corso di un più accurato controllo sul ciclomotore, sotto la sella gli Agenti hanno rinvenuto una pistola revolver priva di tappo rosso con tre bossoli, ed un manganello telescopico, posti sotto sequestro a disposizione dell’autorità giudiziaria.
Condotti in ufficio, i due ragazzi, di 30 e 19 anni, pluripregiudicati per reati contro il patrimonio, sono stati deferiti all’A.G. per ricettazione e per porto d’armi o oggetti atti ad offendere.
Al conducente, privo di patente di guida, sono state inoltre elevate le sanzioni per guida senza patente.
Il ciclomotore si trova tuttora presso gli uffici della Questura, a disposizione della proprietaria per la restituzione.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...