fbpx
CAMBIA LINGUA

Oristano, bancarelle irregolari sul lungomare a Torre Grande, interviene la Polizia

Il posto è stato liberato

Oristano, bancarelle irregolari sul lungomare a Torre Grande, interviene la Polizia.

Il personale della Polizia locale, su indicazione del Sindaco di Oristano Massimiliano Sanna e dell’Assessore al Decoro urbano Maria Bonaria Zedda , è intervenuto questa mattina a Torre Grande per sequestrare bancarelle, sedie, tavolini, ombrelloni, materassini, espositori, tendaggi con i relativi ancoraggi e merce varia presente in maniera irregolare, fuori dall’orario concesso, sul lungomare.

Una situazione esasperante

Prima dell’operazione di questa mattina, nei giorni scorsi, la Polizia locale aveva effettuato numerosi controlli sul regolare svolgimento delle attività di commercio ambulante, verificandole sulla base delle autorizzazioni del Demanio e ricordando a ogni operatore che tra le prescrizioni vi era quella del ripristino dello stato dei luoghi al termine di ogni giornata lavorativa.

Invece, ogni giorno stava accadendo che molti ambulanti rimuovessero solo una parte delle bancarelle, lasciando molto materiale sul lungomare, in qualche caso nascosto sotto i chioschi o i bagni pubblici.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

L’intervento della Polizia

Sette agenti della Polizia locale e quattro operatori del Cantiere comunale, dopo l’ultimo sopralluogo effettuato ieri dall’Assessore Zedda e dal Comandante della Polizia locale Gianni Uras, questa mattina hanno fatto scattare i sequestri del materiale presente sul lungomare, dal chiosco di Eolo sino a Villa Baldino. Il materiale è stato caricato sui furgoni e trasportato al Cantiere comunale.

“Tanti cittadini, residenti e turisti, hanno segnalato una condizione che non era più tollerabile per il decoro di Torre Grande – spiega l’Assessore Maria Bonaria Zedda -. Al Comando della Polizia locale e all’Assessorato sono arrivate numerose segnalazioni e immediatamente abbiamo effettuato i necessari controlli”.

Il sequestro

“I primi avvisi bonari sono stati ignorati e oggi è scattato il sequestro. Il lungomare è stato completamente liberato – spiega Zedda – da ogni tipo di materiale lasciato incustodito al termine della giornata di lavoro. Bancarelle, ombrelloni, sedie e merce varia puntualmente venivano lasciati sul lungomare, invadendolo e ostacolando la normale fruizione e il passaggio dei cittadini. Tutto era pronto ad essere nuovamente utilizzato il giorno dopo”.

“Qualcuno aveva nascosto parte del materiale sotto i chioschi o sotto i bagni pubblici. Nel complesso è stato rimosso materiale con cui sono stati riempiti un camion e un furgone”.

Il lungomare a disposizione dei cittadini

“Dopo questo intervento, i controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni, fino al termine della stagione estiva – precisa l’Assessore Zedda -. Vogliamo garantire la piena fruibilità del lungomare e nel contempo consentire il corretto esercizio delle attività di commercio ambulante che, è bene precisarlo, deve essere effettuato in linea con le prescrizioni contenute nell’autorizzazioni rilasciate dal Demanio”.

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×