Oristano, 5 misure cautelari eseguite dall’inizio dell’anno per reati di maltrattamenti in famiglia e atti persecutori

Oristano, la Questura continuerà nell’impegno instancabile a tutela dei soggetti fragili, vittime di violenza e minori

Oristano, nella serata del 9 maggio la Squadra Volanti della Questura ha tratto in arresto in flagranza di reato un giovane residente a Silì, V.D. classe 1996, resosi responsabile dei reati di minaccia aggravata, danneggiamento e maltrattamenti in famiglia ai danni dei genitori. Il giovane, in preda ai fumi dell’alcool, aveva dapprima minacciato i congiunti con un coltello, poi danneggiato con l’utilizzo di una sedia l’auto del padre e infine, presa una roncola, aveva continuato a minacciare di morte i familiari.

L’intervento degli equipaggi della Squadra Volante ha scongiurato il peggio. Il giovane è stato posto in condizioni di sicurezza e condotto in Questura per poi essere portato presso il carcere di Massama e posto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Sabato scorso la Squadra Mobile della Questura di Oristano su disposizione della locale Procura della Repubblica ha eseguito la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di S.F. classe 1993, residente in Oristano, già agli arresti domiciliari per Rapina, in quanto, incurante delle prescrizioni a suo carico era uscito di casa per procurarsi degli stupefacenti per poi, al rientro nella sua abitazione, minacciare pesantemente e aggredire i genitori, “responsabili” di avergli gettato una parte dello stupefacente che aveva acquistato poco prima.

 

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Qualche giorno fa la Squadra Mobile della Questura ha inoltre dato esecuzione alla misura cautelare degli Arresti Domiciliari a carico di un uomo residente in Oristano, resosi responsabile del reato di Atti Persecutori ai danni della ex compagna.

L’uomo, già destinatario della misura cautelare del divieto di avvicinamento, incurante delle prescrizioni poste a suo carico, in più occasioni aveva violato la misura contattando la donna telefonicamente e recandosi sotto casa sua, terrorizzandola a tal punto che non era nemmeno riuscita a contattare le FF.OO. se non qualche giorno dopo presentando denuncia direttamente in Procura.  Ora non potrà uscire di casa se non con espressa autorizzazione del Giudice che ha disposto l’arresto e, se non rispetterà quanto indicato nell’ordinanza potrà essere sottoposto alla più grave misura della custodia cautelare in carcere.

 

Dall’inizio dell’anno è la quinta misura cautelare che la Polizia di Stato di Oristano esegue su disposizione della Procura della Repubblica per reati connessi a violenza di genere, maltrattamenti in famiglia e atti persecutori.

La Questura in tutte le proprie componenti continuerà nell’impegno instancabile a tutela dei soggetti fragili, vittime di violenza e minori.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...