Operazione “Ombre Rosse”: arrestati dalla Police Nationale 7 latitanti italiani in Francia

Tra loro tra loro c'è anche Giorgio Pietrostefani, condannato per l'omicidio Calabresi

Nella giornata di 28 aprile 2021 la Police Nationale francese ha fatto sapere di aver arrestato 7 latitanti di cui lo Stato Italiano ha da tempo chiesto l’estradizione. I 7, legati all’ambiente dell’estrema sinistra, sono Giorgio Pietrostefani, fondatore di Lotta Continua tristemente noto per l’omicidio del Commissario Calabresi, Narciso Manenti, attivo nei Nuclei armati per il contropotere territoriale e Roberta Capelli, Marina Petrella, Sergio Tornaghi, Giovanni Alimonti ed Enzo Calvitti, membri delle Brigate Rosse. Tutti avevano trovato rifugio oltralpe in virtù della dottrina Mitterrand, che permise a molti rifugiati politici di trovare ospitalità in Francia se avessero rinunciato a ogni forma di violenza politica.

In giornata il Governo italiano ha espresso “soddisfazione per la decisione della Francia di avviare le procedure giudiziarie, richieste da parte italiana, nei confronti dei responsabili di gravissimi crimini di terrorismo, che hanno lasciato una ferita ancora aperta”. Mario Draghi ha aggiunto che “la memoria di quegli atti barbarici è viva nella coscienza degli italiani. A nome mio e del Governo, rinnovo la partecipazione al dolore dei familiari nel ricordo commosso del sacrificio delle vittime”.

Di seguito le interviste al Dottor Eugenio Spina, direttore dell’anti-terrorismo interno, e al Dottor Giuseppe Spina, direttore dello SCIP o Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia:

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...