Novara, truffava venditori di camper di lusso, arrestato

L’arrestato fissava un incontro durante il quale effettuava il pagamento con assegni circolari risultati poi falsi, truffando i venditori

Novara, truffava venditori di camper di lusso, arrestato.

La Polizia di Stato di Novara ha arrestato un cittadino italiano, di 51 anni, residente a Novara, ritenuto responsabile di aver commesso una serie di truffe nell’acquisto di camper di lusso, avvenute nel 2017.

L’arrestato, tramite una nota piattaforma on line, contattava i soggetti che avevano pubblicato annunci di vendita dei propri veicoli e, dopo una breve trattativa telefonica, fissava un incontro durante il quale, in seguito alla visione dei mezzi, avvalendosi di un’abile dialettica, riusciva a trarre in inganno gli ignari venditori effettuando il pagamento con assegni circolari risultati poi falsi.

La trattativa avveniva negli orari di chiusura degli sportelli bancari in maniera tale che le persone offese non potessero rendersi conto immediatamente della truffa. In tale lasso di tempo il veicolo veniva trasportato all’estero e rivenduto. Il valore di ciascun camper variava dai 30000 ai 45000 euro.

Le truffe sono state consumate nelle province di Novara, Torino e Milano.

Gli agenti della III sezione della Squadra Mobile della Questura di Novara, in ottemperanza al provvedimento di esecuzione di pene concorrenti e contestuale ordine di esecuzione, nella prima mattinata del 28 aprile hanno tratto in arresto il responsabile dei reati per poi condurlo alla casa circondariale di Novara, dove dovrà scontare una pena pari a 7 anni e 10 mesi di reclusione.

La Polizia di Stato raccomanda di prestare sempre la massima attenzione durante le operazioni di compra vendita intercorse con persone sconosciute e, come nei casi su riportati, di richiedere la verifica della genuinità degli assegni al proprio istituto di credito, prima di sottoscrivere il trasferimento di proprietà del veicolo.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...