fbpx
CAMBIA LINGUA

Napoli, quartiere Forcella e Case Nuove: 13 custodie cautelari per tentata estorsione e lesioni personali aggravati dal metodo mafioso

Il provvedimento dispone per 10 persone la custodia cautelare in carcere e per 3 gli arresti domiciliari, tutti i soggetti risultano legati cartello criminale camorristico denominato Mazzarella-Caldarelli-Buonerba.

Napoli, quartiere Forcella e Case Nuove: 13 custodie cautelari per tentata estorsione e lesioni personali aggravati dal metodo mafioso.

Per delega del Procuratore della Repubblica distrettuale, si comunica che questa mattina la Polizia di Stato di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 13 destinatari ritenuti, a vario titolo, gravemente indiziati di tentata estorsione e lesioni personali aggravati dal metodo mafioso.

Il provvedimento dispone per 10 persone la custodia cautelare in carcere e per 3 gli arresti domiciliari.

Gli indagati risultano legati, a vario titolo, al cartello criminale camorristico denominato Mazzarella-Caldarelli-Buonerba attivo nella zona centrale di questo capoluogo, in particolare nei quartieri Forcella e Case Nuove.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

L’ordinanza compendia gli esiti di una attività di indagine esperita da personale della Squadra Mobile di Napoli, dei Commissariati Poggioreale e Vicaria-Mercato e coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, avviata nell’aprile 2023 a seguito della denuncia di un imprenditore edile di reiterate aggressioni a finalità estorsive da parte dei destinatari.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e, quindi, presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Napoli, quartiere Forcella e Case Nuove: 13 custodie cautelari per tentata estorsione e lesioni personali aggravati dal metodo mafioso.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×