Napoli, negozio vendeva SIM telefoniche per essere irrintracciabili: maxi-sequestro della Polizia Municipale

Napoli, negozio vendeva SIM telefoniche per essere irrintracciabili: maxi-sequestro della Polizia Municipale

A seguito di attività info-investigativa, veniva scoperta dagli Agenti della Polizia Municipale reparto PIC/Ambientale, in zona Piazza Garibaldi, una centrale di SIM con intestazione fittizia messa in piedi da due soggetti di nazionalità Pakistana, all’interno di un negozio di telefonia e internet, che serviva come base per lo smistamento di sim card definite “pulite”, vendute cioè a chi avesse il bisogno di non essere rintracciato facilmente, intestando contratti di note compagnie telefoniche a soggetti sconosciuti. Nel corso dell’ispezione gli Agenti hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro migliaia di fotocopie di passaporti con numero identificativo su cui erano riportanti dati anagrafici di soggetti stranieri mediante l’utilizzo di un sofisticato software per l’editing grafico e 7600 sim di diverse compagnie telefoniche, abbinato al passaporto venivano associate 5 utenze telefoniche ed il relativo contratto con fittizia intestazione.

Le sim non intestate, sottolinea il Comando, sono utilizzate per fini illeciti ma spesso anche per la commissione di reati persecutori, o truffe, inoltre il cliente poteva richiedere all’esercente un set completo di telefonino e scheda telefonica con intestazione fittizia utilizzando un modello di telefono con caratteristiche tali da renderlo non identificabile.
La vendita delle sim avrebbe fruttato una somma di diverse migliaia di euro.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...