Monza, sgominata la ‘Ndrina di Seregno

Duro colpo alla Ndrangheta in Brianza e in particolare alla locale di Seregno. Sono ancora in corso giovedì 11 giugno nelle province di Monza e della Brianza, Como, Lecco, Reggio Emilia, Macerata, Reggio Calabria, perquisizioni e arresti.

Si tratta di una vasta operazione dei Carabinieri di Monza Brianza e Como, finalizzata all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare – emessa dal G.I.P. del Tribunale di Milano – nei confronti di 22 soggetti, di cui 21 italiani e un serbo (16 misure di custodia cautelare in carcere, 4 agli arresti domiciliari, 2 obbligo di dimora) tutti ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione e acquisizione indebita di esercizi pubblici, reati commessi con l’utilizzo del metodo mafioso nonché detenzione e porto abusivo di armi ed associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti.La complessa attività investigativa sviluppata dal Nucleo Investigativo dell’Arma monzese e dai militari della Compagnia di Cantù e coordinata dalla D.D.A. di Milano, ha permesso di documentare la presenza pervasiva sul territorio di una nota famiglia di ‘ndrangheta originaria del vibonese in continua espansione sia in Brianza che all’estero (Germania, Spagna e Svizzera). Accertata dai carabinieri un’azione di vero comando e controllo di commercianti, imprenditori e cittadini attraverso minacce e omertà grazie alla spendita del cognome “CRISTELLO” che ricorda i passati trascorsi della famiglia confinata dal 1960 proprio in Brianza.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...