Milano, Wind-Tre: Clienti truffati con servizi a pagamento non richiesti

Sono 11 gli indagati, tra loro Luigi Saccà, figlio dell’ex direttore generale della Rai Agostino Saccà.

Milano, 03 Luglio 2020Dodici milioni di euro sottoposti a sequestro preventivo e oltre dieci gli indagati nell’inchiesta della procura di Milano sulle truffe nei confronti di centinaia di utenti delle compagnie telefoniche che si sono visti addebitare dei servizi a pagamento senza aver mai dato il consenso. Una truffa per tutti gli utenti che si vedevano costi per servizi mai attivati e quindi mai richiesti. 

Il blitz della finanza è avvenuto nella mattinata di venerdì nella sede legale di Wind-Tre, il colosso della telefonia che ha “casa” a Rho, nel Milanese. Le fiamme gialle meneghine hanno portato a termine perquisizioni e sequestri nell’ambito di una operazione – coordinata dalla procura meneghina – che ha messo nel mirino alcune presunte truffe messe a segno dalla compagnia.

I magistrati hanno segnalato anche Tim e Vodafone come compagnie che usufruivano di servizi e modalità simili a quelle scoperte nell’indagine, per vendere servizi non richiesti agli utenti. Anche se, al momento, su queste due compagnie non ci sono elementi di indagine a loro carico.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...