Milano, via Gola e via Borsi occupati abusivamente da tre spacciatori

Milano, Da inizio anno, contrassegnato dall’incendio appiccato da un gruppo di occupanti abusivi, l’attività della Polizia di Stato, con i poliziotti del Commissariato Porta Ticinese e della Squadra Mobile, si è concentrata sulle vie Gola e limitrofe per ripristinare la legalità in una zona dove spesso sono state segnalate attività di spaccio di droga, occupazioni abusive di alloggi popolari e altri atti di illegalità: martedì scorso, due egiziani furono arrestati per spaccio mentre un mese fa gli agenti arrestarono due persone in un appartamento dotato di un impianto di videosorveglianza esterno e, lo scorso febbraio, trovarono anche una pistola a salve nascosta nelle cantine di via Pichi.

Le indagini volte al contrasto del traffico di droga hanno portato gli agenti del Commissariato Porta Ticinese a individuare un’abitazione in via Gola 23 quale probabile punto di spaccio: ieri pomeriggio, verso le ore 17, poliziotti hanno bloccato un uomo, cittadino italiano di 42 anni, che, guardandosi attorno con circospezione, è uscito dall’appartamento. Dopo averlo fermato e controllato, i poliziotti lo hanno sanzionato amministrativamente, segnalandolo alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti, perché trovato in possesso di un grammo e mezzo di marijuana.

Gli agenti hanno quindi proceduto alla perquisizione dell’appartamento dal quale l’uomo era appena uscito: all’interno era presente un cittadino italiano di 30 anni che è stato raggiunto poco dopo dal suo coinquilino, un 22enne cittadino romeno. In casa sono stati rinvenuti e sequestrati 192 grammi di marijuana, 15 grammi di cocaina, 15,2 grammi di MDMA, 2,9 grammi di hashish, 80 euro contanti e 2 bilancini di precisione. I due coinquilini sono stati arrestati.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...