Milano, “scappa” dalla Francia con la “scusa” del coronavirus: arrestato egiziano

Gli agenti di Polizia Ferroviaria, nel corso dei controlli per il rispetto del Decreto per il contenimento del coronavirus, hanno fermato in Stazione Centrale a Milano un cittadino straniero che ha esibito una carta di identità francese raccontando di essere scappato dalla Francia dove sarebbe stato obbligato a rimanere chiuso a casa da solo a causa delle nuove misure prese dal Governo.

Lo straniero avrebbe attraversato la Svizzera in treno per venire a stare a Milano a casa di una cugina. Il racconto ha insospettito gli agenti che, da un controllo più approfondito, hanno scoperto che le generalità riportate sul documento erano incongruenti con quelle presenti nelle banche dati delle Forze dell’Ordine dove il 29enne era già noto per reati di furto ed in quanto destinatario nel 2018 di un ordine di espulsione dall’Italia come cittadino egiziano.

Al termine del controllo, lo straniero ammetteva la falsità del documento esibito dichiarando di averlo comprato a Parigi per 350 euro. Veniva per questo arrestato per possesso di documenti falsi, oltre che denunciato in stato di libertà per violazione del DCPM dell’8 marzo.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Articolo di Lorenzo Chiaro


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...