Milano, per l’incidente del filobus è omicidio stradale

L’incidente di sabato 7 dicembre tra un filobus e un camion dell’Amsa in via Bezzi a Milano, ha purtroppo mietuto una vittima: Shirley Calangi, filippina di 49 anni, che era stata sbalzata fuori dal mezzo dell’Atm e che è deceduta al Policlinico per le conseguenze dell’impatto.Un video mostra come il conducente del filobus sia passato con il rosso, circostanza già acclarata dalla stessa Atm, che ha annunciato come abbia «già aperto un’indagine interna ed è pronta a prendere tutti gli opportuni provvedimenti». A quanto si apprende, il conducente sarebbe ora indagato per omicidio stradale e si sta verificando se l’impatto sia stato causato da una distrazione. Il Conducente infatti era entrato in servizio da poco e non è giustificata nessuna fretta. Il presidente di Avisl Onlus, l’avvocato Domenico Musicco, intanto ha annunciato che si costituirà parte civile come associazione e sosterrà il marito della donna che invoca giustizia: «Provocare un incidente mortale passando con il rosso costituisce a tutti gli effetti una contestazione per omicidio stradale, non colposo, così come previsto dalla nuova normativa della quale siamo stati promotori. Diversa è la questione della guida al cellulare: per quanto costituisca oggi la causa più frequente di incidente stradale, non compare nella legge sull’omicidio stradale, che dovrebbe a questo punto prevedere un emendamento».


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...