Milano, mezzi pubblici e fase 2. Viaggio all’interno della metropolitana: ecco come si viaggerà su bus, tram e metro

Milano: distanziamento e dispositivi di protezione individuale. Questo il concetto alla base per la fase 2 da riapertura #coronavirus anche a Milano.  Indossare guanti e mascherina, come previsto nella nuova ordinanza del governatore lombardo Attilio Fontana.

In vista della ripresa graduale delle attività produttive, Atm ricorda che occorrerà rispettare il distanziamento di 1 metro, che comporta una riduzione drastica della capacità di trasporto.

I mezzi potranno così garantire circa il 25% della normale capacità di carico e potrà essere necessario attendere in coda alle stazioni e alle fermate di bus e tram prima di poter salire a bordo.

Da lunedì 4 maggio, la programmazione sull’intera rete dei trasporti ATM sarà normale.

In metropolitana, per regolamentare il flusso dei viaggiatori nelle stazioni, si procederà alla chiusura dei tornelli, in funzione del numero di utenti che già si troveranno all’interno delle banchine e dei treni mentre specifici gli annunci informeranno sulla situazione e comunicheranno se attendere, suggerendo di mantenere la fila sempre rispettando le distanze.

Sui mezzi di superficie, quali bus, tram e filobus non è previsto un sistema di controllo specifico. La porta anteriore dei mezzi di superficie non sarà utilizzabile e sarà valutato dal conducente e la sala operativa eventuali azioni da intraprendere per evitare affollamenti, coinvolgendo eventualmente le forze dell’ordine. I passeggeri dovranno attenersi alle regola e i suggerimenti indicati del distanziamento e non affollare i mezzi ove non sia possibile utilizzare la corsa perchè già satura di persone.

Atm ha studiato una specifica segnaletica e una campagna di informazione dedicata, con marker a terra e sui sedili, sui mezzi e alle fermate come si può vedere nel nostro reportage video.

Articolo di Lorenzo Chiaro


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...