MILANO LITIGA CON COINQUILINO E LO UCCIDE A COLTELLATE

997

Via Meucci: la Polizia di Stato ferma un egiziano 20enne. La Polizia di Stato ieri pomeriggio a Milano ha eseguito il provvedimento di fermo di indiziato del delitto di omicidio emesso dal Sostituto Procuratore della Repubblica dr. Paolo Nicola FILIPPINI nei confronti di M.R., cittadino egiziano di 20 anni, irregolare ed incensurato.

Verso le ore 19.30 del 3 marzo scorso, in via Meucci 2, è stata segnalata alla Centrale Operativa una lite in appartamento e la presenza di un uomo gravemente ferito da un’arma da taglio, poi deceduto al San Raffaele.

Da una prima ricostruzione degli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Milano è emerso che la vittima, un egiziano dell’81, incensurato e irregolare, avrebbe litigato, per motivi futili, con un coinquilino dell’appartamento (dove vivrebbero almeno in sei, tutti nordafricani). Questi avrebbe colpito la vittima al petto con un coltello della cucina – non trovato – e poi sarebbe fuggito.

Ieri pomeriggio gli agenti della Squadra Mobile hanno rintracciato in piazzale Nigra lo straniero ricercato quale autore dell’omicidio.

Le indagini, immediatamente attivate dopo l’omicidio, hanno permesso di acquisire solidi elementi di responsabilità nei confronti dell’uomo, il quale ha poi spontaneamente ammesso di aver commesso il delitto, fornendo una ricostruzione perfettamente compatibile con quanto emerso durante le indagini.

Articolo di Laura Marinaro


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...