MILANO, LA QUESTURA SOSPENDE LA LICENZA ALLA DISCOTECA FELLINI

411

Il Questore di Milano Marcello Cardona ha disposto la sospensione della licenza per 10 giorni, ai sensi dell’art. 100 del T.U.L.P.S., dell’esercizio pubblico denominato “Discoteca Fellini Club House”, sito a Pogliano Milanese (MI), via Roma n. 26, notificato nella tarda mattinata di oggi 17.08.2018.

L’art. 100 del T.U.L.P.S. prevede che il Questore possa sospendere la licenza di un esercizio, anche di vicinato, nel quale siano avvenuti tumulti o gravi disordini o che sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose o che, comunque, costituisca un pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini.

• in data 3.3.2018, alle ore 05.56, una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Nerviano interveniva nei pressi della discoteca per un’aggressione in danno di un avventore il quale dichiarava che intorno alle precedenti 3.30, mentre si trovava in prossimità dell’uscita della discoteca, veniva raggiunto da alcuni addetti alla sicurezza che gli intimavano di uscire poiché il locale era in chiusura.

I “buttafuori” lo spintonavano fino all’esterno e, senza alcun motivo, gli sferravano un violento pugno sul naso causandogli una vistosa tumefazione, a causa della quale veniva trasportato presso un vicino nosocomio;

• in data 17.3.2018, alle ore 03.15, veniva eseguito un intervento su espressa richiesta di una ragazza, la quale dichiarava ai militari che, mentre era all’interno della discoteca, subiva molestie ad opera di un avventore che sedeva ad un tavolo vicino al suo. L’uomo reagiva al rimprovero della ragazza sputandole in faccia e versandole addosso il contenuto del bicchiere che teneva in mano. Gli stessi Carabinieri, su indicazione della donna, individuavano tra un folto gruppo di giovani all’esterno della discoteca l’uomo che l’aveva molestata; i predetti, tutti in evidente stato di alterazione, accerchiavano i militari, urlando e insultando la vittima in modo pesante. I militari cercavano di raggiungere l’autore delle molestie, poiché il predetto veniva letteralmente “scortato” da alcuni dei suoi amici e, giunto nel parcheggio della discoteca, faceva perdere le sue tracce. I militari identificavano quattro tra i circa quindici soggetti del gruppo, che risultavano gravati da numerosi precedenti penali e di polizia per reati contro il patrimonio, la persona e l’amministrazione della giustizia.

• ancora in data 17.3.2018, alle ore 04.20, militari dello stesso Comando Carabinieri unitamente ad un’aliquota Radiomobile dei Carabinieri di Legnano, effettuavano un secondo intervento nelle immediate adiacenze della discoteca per una lite scaturita tra due giovani. Uno di questi, alla vista degli operanti, tentava di disfarsi di un oggetto, gettandolo sotto un’auto in sosta, ma i militari bloccavano entrambi e provvedevano al recupero di un lungo coltello a serramanico con cui uno dei due ragazzi aveva minacciato l’altro puntandoglielo al volto. L’aggressore, gravato da precedenti in materia di armi, reati contro il patrimonio e la persona, veniva deferito all’Autorità Giudiziaria per i reati di porto abusivo di oggetto atto ad offendere e per reati contro la persona;

• in data 18.3.2018, alle ore 04.30, veniva effettuato un intervento in merito all’aggressione subita da due ragazzi mentre si trovavano all’interno del locale; i Carabinieri apprendevano che i predetti erano incorsi in un litigio con altri avventori occupanti un tavolino vicino e che venivano allontanati in modo violento da alcuni addetti alla sicurezza del locale;

• in data 26.3.2018, presso la Questura di Milano, veniva presentata una querela a carico di ignoti in cui la parte lesa lamentava che, alle precedenti ore 2.00, era stata violentemente schiaffeggiata da un addetto alla sicurezza all’interno della discoteca “Fellini Club House”;

• in data 8.4.2018, dopo le ore 3.58, una pattuglia dei Carabinieri dello stesso Comando interveniva presso il locale per una lite tra un avventore e un addetto alla sicurezza; l’avventore, con un ematoma all’occhio sinistro, dichiarava ai militari di essere stato brutalmente picchiato da un “buttafuori”;

• in data 12.5.2018, intorno alle ore 5.00, una pattuglia dei Carabinieri interveniva presso il locale, su richiesta di personale del “118”, per la segnalazione di una persona ferita riversa al suolo. Sul posto i militari apprendevano che vi erano due feriti i quali erano stati aggrediti, per futili motivi, da cinque soggetti sconosciuti nel parcheggio della discoteca; i giovani, a causa delle lesioni riportate, venivano trasportati presso un vicino ospedale;

• in data 20.5.2018, alle ore 4.35, una pattuglia dei Carabinieri interveniva presso il locale per una lite tra più avventori; sul posto veniva trovata una >persona ferita e sanguinante a causa di una lesione al labbro che dichiarava di essere stata colpita con un pugno al viso, all’interno della discoteca, da un avventore che subito si allontanava;

• in data 29.5.2018 veniva presentata alla competente A.G. una denuncia querela a carico di soggetti noti, in cui la parte lesa lamentava che il precedente 19 maggio, verso le ore 3.30, mentre era in compagnia di amici all’interno della stessa discoteca “Fellini Club House”, subiva lo scippo della catenina d’oro che portava al collo ad opera di uno sconosciuto. Il ragazzo si portava all’esterno del locale nel tentativo di individuare il ladro e per chiedere aiuto agli addetti alla sicurezza e, una volta all’esterno, aveva un’accesa discussione con l’uomo che probabilmente era autore del furto. Il querelante veniva immediatamente aggredito da un buttafuori il quale, senza motivo, cominciava a spintonarlo violentemente fino a farlo rovinare al suolo, provocandogli un trauma nasale, per poi allontanarsi. Una volta riprese le forze, il ragazzo si avvicinava al suo aggressore al fine di chiedere spiegazioni sul gesto e tra i due nasceva una colluttazione. A questo punto, sopraggiungevano altri “buttafuori” che continuavano, insieme al loro collega, ad accanirsi contro il ragazzo, sferrandogli pugni in varie parti del corpo, afferrandolo per il collo e a farlo cadere al suolo privo di sensi. Il ragazzo veniva trasportato presso un vicino ospedale, dove gli venivano riscontrate fratture >con una prognosi medica iniziale di trenta giorni;

• in data 4.6.2018, presso la Stazione Carabinieri di Nerviano (MI), veniva sporta un’altra denuncia querela in cui la parte lesa raccontava che la sera precedente, mentre si trovava insieme ad amici presso la stessa discoteca “Fellini Club House”, discuteva con un avventore seduto al tavolino vicino il quale, stringendo nel pugno un bicchiere o un altro oggetto, la colpiva al viso facendola indietreggiare fino a perdere l’equilibrio. La vittima riferiva che i suoi amici intervenivano in sua difesa e riportavano varie lesioni.

Gli episodi accaduti per la loro gravità hanno reso necessario il provvedimento di sospensione della licenza da parte del Questore, al fine di evitare la reiterazione dei comportamenti illeciti e violenti da parte dei suoi frequentatori e degli addetti alla sicurezza.

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...