Milano, la Questura impedisce permanentemente l’accesso alla metropolitana a 17 persone coinvolte nelle attività del boschetto di Rogoredo, minacciato il DASPO urbano

Milano, nella serata di giovedì 3 giugno la Questura di Milano ha disposto un servizio di controllo presso la metropolitana di Milano, in particolare, la linea 3 (Gialla) per monitorare la presenza di persone che utilizzano il mezzo di trasporto per raggiungere la zona di Rogoredo, già oggetto di costante attenzione del Questore che recentemente ha emesso 16 nuovi fogli di via obbligatori.

 

Il servizio di controllo è stato svolto dai poliziotti della Polmetro dell’Ufficio Prevenzione Generale, con il supporto degli specialisti della Divisione Polizia Anticrimine ed ha portato all’emissione di 17 ordini di allontanamento dall’intera infrastruttura di trasporto, con la contestazione di 17 sanzioni amministrative. Sono state controllate un totale di 105 persone presenti nella linea metropolitana 3.

 

I destinatari degli ordini di allontanamento (15 residenti a Milano, 1 in provincia di Varese e 1 Lecco, di cui 4 donne tra i 18 e i 26 anni: 3 straniere e una italiana –  e 13 uomini tra i 21 e i 68 anni: 3 stranieri e 10 italiani), qualora verranno nuovamente sorpresi, sugli stessi mezzi, ad attuare comportamenti molesti ovvero condotte che impediscono la libera fruizione dell’infrastruttura di trasporto, saranno colpiti dal Divieto di accesso alle aree urbane (c.d. Daspo urbano).

 

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Nel corso del servizio si è infatti accertato che si tratta di persone che si muovono nelle vetture della predetta linea metropolitana, attuando comportamenti molesti, allo scopo di reperire denaro necessario all’acquisto di stupefacenti nella zona di Rogoredo che come noto, è tra la penultima fermata della linea 3 prima del capolinea San Donato.

 

In un ottica di sicurezza, nell’iniziativa di prevenzione è stato coinvolto anche il servizio di sicurezza dell’Azienda Trasporti Milanesi che ha messo a disposizione alcuni suoi addetti alla security i quali hanno fornito un contributo utile ai poliziotti.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...