MILANO, IN PIAZZA ORTICA COMINCERANNO LAVORI PER PARCHETTO

332

Sulla pagina facebook di Pierfrancesco Maran, assessore del comune di Milano a urbanistica, verde e agricoltura, si legge di un nuovo progetto legato a uno storico quartiere della città. Per piazza Ortica nella zona nord-est della città di Milano c’è un progetto di ristrutturazione per la creazione di un parchetto pubblico con annessa area giochi per bambini.

Questo è un progetto nato per rispettare la volontà degli abitanti della zona che richiedevano di vedere utilizzato al meglio uno spazio finora inutilizzato se non come occasionale parcheggio per le auto. Il quartiere di Milano di Città Studi è un importante centro vitale dell’intera città nonostante topograficamente sia posto nella periferia. Non è solo una delle principali zone dove si sviluppa la vita universitaria di Milano grazie alla sede del Politecnico e dell’Università Statale; ma anche un luogo per la movida serale e notturna e un centro lavorativo per uffici e non solo.

Come si vede dal progetto il cambiamento dell’aspetto della piazza Ortica riguarda la zona fra la storica Balera dell’ortica e il sagrato di una bella chiesa. L’obiettivo dichiarato dall’assessore Pierfrancesco Maran è quello di riqualificare lo storico quartiere dell’Ortica oltre quello di procedere con altre iniziative del comune per rendere più verde la città di Milano.

Attualmente il quartiere dell’Ortica è abitato da famiglie con figli di qualsiasi età: proprio per soddisfare le esigenze di queste viene presentato il progetto del parco al municipio 3 di Milano; un progetto pensato anche per gli anziani che abitano da quelle parti a cui non dispiacerà vedere più verde sotto casa e avere un punto di ritrovo pensato per far giocare i loro nipotini e nipotine.

È bene notare che nell’idea del progetto c’è non solo l’attenzione alle famiglie e ai residenti più anziani, ma anche ai bambini diversamente abili: le attrezzature da parco-giochi saranno infatti costruite e pensate anche affinché ne possano beneficiare tutti i bambini con facilità e in sicurezza lontani dal traffico delle automobili.

Articolo di Daniel Bidussa

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...