Milano, eroina sotterrata e nascosta nel cellophane insieme a 1.770 euro in contanti, arrestati spacciatori

Milano, La Polizia di Stato, al fine di contrastare il fenomeno di reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti, ha arrestato un cittadino italiano di origini tunisine, per i reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare nella mattinata del 2 settembre personale di questa Squadra Mobile, a seguito di un controllo effettuato nei confronti di un cittadino tunisino, effettuava una perquisizione domiciliare traendo in arresto il figlio di quest’ultimo A.H. di anni 24, cittadino italiano, incensurato, privo di attività lavorativa, in quanto trovato in possesso di diversi pezzi di sostanza stupefacente del tipo hashish pari ad un totale di grammi 357 e del tipo eroina pari a grammi 552, celata parte all’interno dell’abitazione e parte nel giardino, nascosta sotto terra, che solo grazie all’intuito degli operanti è stato possibile rinvenire.

Infatti, vedendo parte del terreno del giardino smosso e una pala nella vicinanze, si provvedeva a scavare in quella zona fino a trovare, ad una profondità di circa 20/30 cm, un contenitore di plastica protetto da più strati di cellophane all’interno del quale vi era del riso e un involucro sempre in cellophane, completamente nastrato, contenente sostanza stupefacente di colore marrone compressa, risultata positiva al narcotest dell’eroina.
Nell’abitazione venivano altresì rinvenuti una piantina di marijuana dell’altezza di circa 40 cm e materiale utile al confezionamento delle dosi di tali sostanze, quali bilancini di precisione, apparecchiature per il sottovuoto, oltre che telefoni cellulari e denaro contante pari alla somma di 1.770 euro.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Nell’abitazione erano presenti anche il fratello dell’arrestato, A.H. di anni 19, e un amico, N.G. di anni 22, entrambi deferiti all’A.G. in stato di libertà per lo stesso reato.
Espletate le formalità di rito, l’arrestato veniva condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione della competente A.G.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...