MILANO DROGANO RAGAZZA IN LOCALE E LA STUPRANO

L’avevano attirata in un locale della movida milanese con un drink e nel bicchiere le avevano messo benzoziadepine, una droga che l’ha resa inerme.

Così tre insospettabili italiani di 28, 42 e 48 anni hanno violentato ripetutamente per ore una ventitreenne milanese che li aveva seguiti a casa sotto l’effetto della sostanza e quindi inconsapevole di cosa stesse accadendo. A loro sono arrivati i carabinieri della Compagnia Monforte che su richiesta del pm Tiziana Siciliano li hanno arrestati per violenza sessuale.

Secondo quanto ricostruito i tre hanno anche fatto credere alla ragazza di aver assunto lei sostanze stuoefacenti: «Ci hai fatto spaventare con tutta la cocaina che hai preso» avrebbero detto alla giovane.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Nel suo sangue però non sono risultate tracce di cocaina, bensì della droga che – stando a quanto emerso – le avevano dato i tre per farle perdere i sensi. La mattina dopo la violenza la ragazza che non ricordava nulla ma che era piena di lividi e botte ha avuto l’atroce sospetto e quindi è stata condotta da amiche alla clinica Mangiagalli e aiutata a denunciare l’accaduto.

Dalle analisi del sangue che le sono state fatte i livelli di droga che aveva in corpo erano quattro volte superiori al consentito. Dagli stessi rilievi sono anche emersi i Dna di due degli arrestati. I tre non hanno confessato.

Articolo di Laura Marinaro


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...