Milano, detenuto in permesso premio revocato scappa dalla Polizia

Ieri, a Milano, la Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un cittadino italiano di 42 anni per resistenza a Pubblico Ufficiale e lo ha ricondotto in carcere in quanto gli era stato revocato un permesso premio.

Verso le ore 12:00 di ieri, la volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, mentre si trovava in perlustrazione, in via Monte Grappa, ha intimato a due uomini, a bordo di uno scooter, di fermarsi per un controllo.
L’uomo alla guida del motoveicolo, accortosi della presenza dei poliziotti, ha accelerato la marcia al fine di eludere l’attività di Polizia, percorrendo le vie della zona ad alta velocità, tra cui piazza XXV aprile, via Crispi per poi proseguire in via Volta e via Ceresio, mantenendo una condotta di guida particolarmente pericolosa per l’incolumità degli altri utenti della strada.

L’inseguimento si è protratto in via Farini, piazza Fidia e via Porro Lambertenghi, sempre a velocità sostenuta, fino a piazzale Lagosta e via Volturno dove il passeggero dello scooter ha perso l’equilibrio cadendo a terra, mentre il conducente ha continuato la fuga facendo perdere proprie tracce.

I poliziotti hanno subito cercato di bloccare il passeggero, che dopo essersi alzato da terra ha tentato anch’egli la fuga. L’uomo, infatti, si è sbracciato tentando di aggredire gli agenti, ma poco dopo è stato bloccato e assicurato all’interno della volante.

Dai successivi accertamenti è emerso che l’uomo fermato si trovava in regime di detenzione, per una condanna per omicidio, rapina e porto d’armi, presso la casa circondariale di Bollate e da alcuni giorni usufruiva di un permesso premio che era stata revocato ieri, venerdì 27 novembre.

Il 42enne, dopo essere stato indagato in stato di libertà per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale, è stato condotto presso il carcere di Bollate per ristabilire la misura detentiva.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...